allegri juve gn
Sport
CHAMPIONS LEAGUE

Allegri recupera Dybala, la Juve va a caccia di gol: «CR7? Un accentratore»

Stasera sfida ai campioni del Chelsea

Cercasi gol e primo posto in casa Juve. I bianconeri, specie in campionato, faticano «Ho diversi giocatori che possono andare in rete – ha detto ieri Allegri -, ne abbiamo soltanto fatti meno rispetto alle nostre potenzialità». È inevitabile, però, rispolverare il nome di Ronaldo per analizzare la questione: «È inutile guardare al passato – ha aggiunto l’allenatore – e poi il Cristiano è un accentratore ed è sempre stato capocannoniere ovunque abbia giocato: sono certo che i gol arriveranno». Di reti ne serviranno anche a Stamford Bridge, dove la Juve si gioca il primato: «È un test importante per noi, servirà una gara tecnicamente valida e dovremo scendere in campo con lucidità e personalità – ha spiegato il livornese – anche perché troveremo di fronte chi è attualmente in testa alla Premier ed è campione in carica in Champions». A proposito di gol, c’è da registrare il recupero di Dybala: «Sta bene, verrà convocato – ha spiegato il tecnico – ma non so che minutaggio possa avere nelle gambe. Era fermo da qualche giorno, l’importante è che possa venire con noi». Con la Joya in panchina, ci sarà Chiesa a far coppia con uno tra Morata e Kean. «Kulusevski c’è, non ha nessun problema: non ha svolto la rifinitura perché era dal dentista, non so quanti denti gli abbia dovuto togliere (ride, ndr)”», la battuta di Allegri. In difesa, però, c’è qualche problema in più: «Chiellini rientrerà mercoledì, De Sciglio punta a recuperare per l’Atalanta o subito dopo, Danilo dovrà stare fermo due mesi». Per il brasiliano, infatti, gli esami svolti nella mattinata di ieri hanno evidenziato una lesione di medio grado del muscolo adduttore lungo della coscia sinistra guaribile in circa otto settimane. Così, al fianco di Bonucci agirà De Ligt: «Sono partite belle da giocare in uno stadio come Stamford Bridge e contro un’avversaria come il Chelsea, vogliamo arrivare primi perché sarebbe molto importante», ha affermato il centrale olandese. Nella sua testa ci sono soltanto i Blues: «Non penso ad altro – ha risposto a chi gli chiedeva del rinnovo del contratto – anche perché non è il momento di riflettere su questioni diverse. Guardiamo a una partita per volta, c’è da rimanere concentrati sulle gare da vincere». Quella di stasera è una di queste, anche se alla Juve andrebbe bene anche un paro: i bianconeri, infatti, resterebbero con tre lunghezze di vantaggio sugli inglesi a una partita dal termine del girone, ma sarebbero avanti negli scontri diretti in virtù dell’1-0 conquistato all’andata allo Stadium. In ogni caso, ci sarebbe ancora il match-point contro il Malmoe nella sfida in casa del prossimo 8 dicembre.

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo