Massimiliano Allegri
Sport
Le parole del tecnico dopo il successo contro il Milan a San Siro

Allegri perfezionista: “Serviva una prova di forza, la Juve ha voglia di scudetto”

L’allenatore bianconero: “I ragazzi hanno mostrato di tenerci al titolo. Se qualcuno non crolla, si deciderà all’ultima giornata”

Un Massimiliano Allegri perfezionista, che alla sua Juventus critica i dettagli dopo il rotondo successo di San Siro che rilancia i bianconeri in testa alla classifica. “I ragazzi hanno mostrato di tenerci al settimo scudetto. Se qualcuno non crolla, si deciderà all’ultima giornata”, ha ribadito il tecnico toscano, che torna a Torino con tre punti pesanti.

DOVEVAMO FARE UNA PROVA DI FORZA
“Dovevamo fare una prova di forza, perché Milan-Juve fa storia a sé per tradizione e rivalità, giocare a San Siro è sempre difficile, ti impone sempre grandi prestazioni o non ne esci vivo” spiega il mister.  “I primi 10 minuti – prosegue – loro sono stati bravi, aggredivano, noi siamo stati poco reattivi, giocavamo palla corta e non verso le punte, così ce la rubavano e ci saltavano addosso. Poi abbiamo preso le misure giuste e il match è cambiato”.

GIOCHIAMO COSI’ ANCHE A LISBONA
“Se giochiamo così anche martedì, a Lisbona, ci sono buone possibilità di vincere, ma è una partita diversa, è Champions, laggiù è difficile. L’altalena si è quasi fermata, ma teniamola un po’ in movimento altrimenti abbassiamo la tensione” è l’analisi dell’allenatore bianconero, che fa i complimenti a Higuain (“Se stai bene fisicamente, le cose ti vengono facile”), ma ha appunti per Dybala, per “qualche tiro dal limite sbagliato e qualche passaggio non fatto a Higuain”, ed è “un po’ arrabbiato con Pjanic: si è messo a giocare troppo corto e ogni tanto dava la palla agli altri”.

PJANIC VINCE IL CONFRONTO CON BIGLIA
Comunque il bosniaco ha stravinto il confronto a centrocampo con Biglia, un pezzo pregiati della campagna acquisti del Milan. “Forse è stato sproporzionato l’entusiasmo estivo, quando cambi tanto è difficile trovare subito la compattezza”, ha ipotizzato l’ad bianconero Beppe Marotta nel prepartita, mentre il collega rossonero, Marco Fassone, ribadiva che il club del cinese Li Yonghong “non ha problemi finanziari: tutto sta procedendo secondo i piani, e dal punto di vista della cassa va anche un po’ meglio grazie al pubblico numeroso allo stadio”.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo