Il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri
Sport
Juve senza Buffon, De Sciglio e Cuadrado. Marchisio in forse

Allegri non si fida: “Cagliari, squadra in salute ma noi dobbiamo vincere”

Il tecnico bianconero: “Contro i sardi va fatta una partita seria. Quota scudetto a 96. E il Napoli perderà pochi punti”

“Domani affrontiamo il Cagliari che è una squadra in salute perché ha vinto una bella partita a Bergamo. Una squadra veloce, che riparte molto bene, organizzata difensivamente. Giocare a Cagliari non è mai semplice perché è una squadra che non si arrende mai, in casa fa anche partite di buona intensità, di grande intensità. Non sarà quindi una partita semplice, una partita da vincere“. Il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, vuole grande attenzione domani con il Cagliari prima della sosta del campionato.

SERVE GRANDE ATTENZIONE
“Quando fischierà l’arbitro saremo 0-0 e quindi bisognerà fare una partita di grande attenzione, di grande tecnica, di grande fisicità, una partita seria domani sera va fatta. Anche perché noi, prima c’era la sosta il 23, ora la sosta l’hanno spostata al 6, quindi bisogna essere attenti, perché ricordo Carpi, gli ultimi 10 minuti quando avevamo già preso le valigie e abbiamo rischiato la vita a Natale. Ricordo le due partite di Doha, dove sul campo non abbiamo perso, poi abbiamo perso ai rigori. Domani non ci possiamo assolutamente permettere di lasciare punti a Cagliari, quindi bisogna fare una partita seria”, ha sottolineato Allegri che però avrà diverse defezioni.

BUFFON TORNA DOPO LA SOSTA
De Sciglio può essere della partita? “No, De Sciglio, Buffon, Cuadrado. Marchisio lo valuteremo oggi, è l’unico che ha probabilità e Sturaro vediamo perché ha preso un colpo forte sul ginocchio”. Domani a Cagliari, dunque, ancora Szczesny in porta per la Juventus, il rientro di Buffon è rimandato a dopo la sosta. “Aveva preso un colpo a Napoli, il polpaccio è una brutta bestia, ha provato a giocare in Grecia (in Champions il 5 dicembre, ndr) ma ha avuto un risentimento, quindi l’abbiamo lasciato a riposo. Rischiarlo ora non avrebbe avuto senso, dopo la sosta sarà a disposizione“.

MANDZUKIC STA BENE
Come sta Mandzukic? Sta bene, come stanno bene tutti. Fisicamente, a parte questi che hanno qualche acciacchetto, però dopo la sosta li riavremo tutti, stanno tutti bene. Siamo cresciuti di condizione, abbiamo cominciato a fare delle partite più pesanti, del nostro livello. Oggi dovrò valutare se giocheremo con un centrocampo a due, se giocheremo con un centrocampo a tre, chi sarà il terzino destro, perché ho fuori De Sciglio e il terzino destro sarà Barzagli o Lichtsteiner. Dovrò vedere l’allenamento di oggi e poi in base a quello deciderò chi far giocare”, ha spiegato il tecnico bianconero parlando della formazione anti Cagliari.

DYBALA NON PUO’ GIOCARE CENTRAVANTI
Dybala? A parte che ha fatto una buona prestazione come tutta la squadra. Mercoledì sera la squadra ha fatto una bella prestazione, più che buona. Poi Paulo, lo ripeto, da quando è arrivato il primo giorno a Torino – e ripeto, anche ora sono convinto di quello che dico – le sue prestazioni, non parlo di gol, perché lui alla fine dell’anno 15 gol, può essere l’anno che ne fa di più e ne fa 20, però il suo numero è quello, oltre agli assist che fa…. Paulo è un giocatore che non può fare il centravanti in una grande squadra. Poteva fare il centravanti quando era a Palermo perché giocava a 50 metri dalla porta, con la Juventus che gioca a 20 metri dalla porta, Paulo non può fare il centravanti. E infatti, tutte le migliori prestazioni, tutti i gol di Paulo, sono venuti perché lui arriva sempre da dietro. Basta vedere anche il gol che ha fatto a Verona, il secondo gol: lui è partito in posizione di mezzala addirittura, quindi potrebbe fare anche la mezzala in un centrocampo offensivo. L’altro giorno non ha fatto il centravanti: all’inizio l’ho messo lì e poi gli ho detto di abbassarsi di nuovo perché il centravanti lo doveva fare Mario”, ha spiegato Allegri.

PROIEZIONE SCUDETTO E’ A 96 PUNTI
“La proiezione scudetto è semplice: 48 ne ha fatti il Napoli, quindi la proiezione è 96, anche perché il Napoli sta viaggiando in campionato a medie importanti”. E’ la proiezione che ha fatto oggi, alla vigilia della sfida con il Cagliari, da parte del tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, sui punti per arrivare allo scudetto. “Per quanto riguarda cosa non si deve rifare rispetto al girone di andata, di solito un ‘inciampone’ c’è in un girone e l’abbiamo avuto a Genova. Le cose che ci mancano sicuramente sono i punti di Bergamo e il punto in casa con la Lazio, dove ci sono stati due errori che possono capitare, due episodi di rigore al 95′ che avrebbero cambiato definitivamente il risultato. E la squadra ha girato a 47 che è un numero importante. Infatti quelle dietro al momento si sono staccate e questi due turni sono due turni importanti perché ci sono degli scontri diretti e noi dobbiamo comunque vincere per stare in scia il Napoli, perché il Napoli perderà pochi punti“, ha aggiunto il tecnico bianconero.

ESONERO MIHAJLOVIC? MI DISPIACE, MAZZARRI MOLTO BRAVO
E’ la seconda volta che faccio esonerare Mihajlovic? No, non ci ho pensato, non ce l’ho assolutamente con lui, mi dispiace molto, perché è un ottimo allenatore, perché ha fatto risultati dove è stato. Quando ci sono queste situazioni sicuramente è sempre poco piacevole”. Il tecnico della Juventus ha così commentato l’esonero del tecnico del Torino, dopo la sconfitta con i bianconeri in Coppa Italia. “Dall’altra è rientrato in Italia un allenatore molto bravo come Mazzarri, che ha fatto ottimi risultati dove è stato, e soprattutto è un allenatore che dà una certa mentalità alla propria squadra. Quindi al ritorno troveremo un Torino – credo – diverso”, ha aggiunto l’allenatore della Juve.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo