Massimiliano Allegri (foto @Depositphotos)
Sport
JUVE, DI MARIA GIÀ KO

Allegri: «Complicato ripartire dopo la sosta. Sono tante le insidie»

La Juve vecchia anche nell’anno nuovo. Questo è l’obiettivo di Massimiliano Allegri alla vigilia dell’esordio in campionato di oggi (fischio di inizio ore 18:30), quando i bianconeri saranno impegnati in trasferta contro la Cremonese«Dopo 52 giorni di stop – ha detto il tecnico livornese -, soltanto i risultati diranno se si è lavorato bene o male e dovremo essere bravi a rientrare con attenzione e concentrazione dopo un periodo così lungo: sarà una trasferta complicata, ci sono tutte le insidie di una prima giornata di campionato, ma dobbiamo giocare da squadra come fatto nelle ultime prima della pausa». La formazione allenata da Alvini non è ancora riuscita a vincere una partita in campionato ma l’allenatore bianconero non si fida della Cremonese: «Nelle ultime due partite in casa non hanno subito gol – ha rammentato Allegri -, sono stati tosti contro il Napoli e tirano molto in porta. Serviranno rispetto e umiltà per andare a giocare da loro».

Intanto la sosta non è servita a riavere tutti i calciatori a disposizione. Pogba e Vlahovic sono ancora alle prese con i loro rispettivi infortuni: «Il francese sta correndo – ha detto Allegri facendo il punto della situazione degli infortunati – e in un paio di settimane potrebbe essere con i compagni, anche il serbo sta meglio: spero di avere tutti a disposizione per la fine del mese, anche perché ci aspettano 37 partite e giocheremo praticamente ogni quattro giorni».

E la Juventus, di obiettivi importanti, ne ha tanti da qui a fine stagione: «Il Napoli è la grande favorita allo scudetto, noi vogliamo arrivare tra le prime quattro – ha messo le mani avanti Allegri che non ha voluto parlare di rimonta – oltre a cercare di conquistare le finali di Coppa Italia ed Europa League: dobbiamo però pensare a una gara alla volta, concentriamoci sui micro-obiettivi per raggiungere gli obiettivi finali». Anche perché, aggiunge il tecnico, «il divertimento c’è soltanto quando vinciamo – ha spiegato ancora in conferenza stampa – mentre quando non si vince non mi diverto proprio per niente: non dobbiamo nemmeno pensare al mercato o alle questioni extra-campo, su quelle ha già risposto la società con un comunicato lo scorso 30 novembre e io non aggiungo altro, ma concentrarci soltanto ad ottenere risultati». Per Cremona ce la fa Szczesny, il quale ha recuperato dal problema al collo, e Chiesa andrà in panchina, pronto per uno spezzone. Angel Di Maria, invece, si è fermato di nuovo: l’argentino rientrato solo lunedì scorso dal Mondiale, ha rimediato una botta alla caviglia destra che lo costringerà a saltare la prima gara del nuovo anno. Paredes, invece, è stato regolarmente convocato, mentre Allegri spegne le polemiche per il loro rientro dalle vacanze post-Qatar, avvenuto soltanto lunedì: «Hanno seguito un programma di una settimana di lavoro, era anche giusto che si godessero la vittoria perché non capita tutti gli anni di trionfare in un Mondiale».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo