allegri 2
Sport
JUVE, REAL, CR7 E…

Allegri a tutto campo: «Tornato per amore. Ora un nuovo ciclo»

Schietto, senza fare troppi giri di parole. Dal turnover – che includerà CR7 -, alle punizioni – che non batterà tutte CR7 – alla fascia di capitano e vice. La teoria del “corto muso” e tanti altri temi sono stati toccati da Allegri II. Intanto ha detto “no” per la seconda volta al Real per ridire “sì” alla Juve. «E ringrazio il Real e il suo presidente – ha detto Allegri – per l’opportunità che mi hanno dato. Ma ho fatto delle riflessioni e ho scelto la Juventus: è stato un gesto di amore verso chi mi ha dato tanto. E soprattutto credo molto nella squadra, una squadra di giovani, una squadra divertente da allenare. Poi però bisogna vincere, perché è l’unica cosa conta».

Allegri, cosa ha riprovato varcando quei cancelli?
«Ero emozionato e divertito. In questi giorni ho trovato calciatori giovani e bravi, di qualità. Adesso stanno arrivando anche tutti gli altri. Basta con il passato. Comincio un nuovo ciclo di lavoro con a disposizione una nuova squadra che stiamo cercando di sistemare. Abbiamo giovani interessanti e meno giovani, come Cristiano, Bonucci e Chiellini: loro devono essere un valore aggiunto per la società ed essere da esempio per i più giovani, far capire cosa è la Juventus. Qui quello che è stato fatto rimane nella storia, io ho passato anni meravigliosi ma dobbiamo arrivare a marzo in corsa per tutti gli obiettivi per poi provare a centrarli».

Felice di ritrovare Ronaldo o è costretto a convivere con lui?
«Ronaldo è un calciatore straordinario e un ragazzo intelligente, è tornato da pochi giorni e gli ho parlato. Gli ho detto che questo è un anno importante e che sono felice di ritrovarlo, ma gli ho detto anche che ha una responsabilità maggiore vista la sua età, rispetto a tre anni fa. Ha fatto tanti gol con la Juve, i numeri parlano per lui, ma da lui mi aspetto molto anche come esperienza. Ci sarà una gestione per tutti i giocatori e vale anche per lui».

Ritrova anche Dybala…
«Sarà un anno importante anche per Paulo, è un giocatore che fa gol, un valore aggiunto e l’ho ritrovato molto bene, l’ho ritrovato uomo. Dybala, nella Juventus è il secondo con più anni di presenza dopo Chiellini, quindi il vice capitano sarà lui. Bonucci se n’è andato e poi è tornato, quindi se vuole la fascia se la deve comprare e va a giocare in piazza. Quando è tornato è diventato ultimo, ora sta scalando le posizioni, ma Leo questo lo sa (ride, ndr).».

Chi la incuriosisce allenare?
«Rabiot ha qualità importanti, da centrocampista deve fare molto di più dei 3 gol dell’anno scorso. McKennie è un giocatore che si vede che ha l’istinto del gol, sotto porta è freddo ed è bravo di testa. Ho la fortuna di avere tanti giocatori con tanti gol nelle gambe».

L’Inter è l’avversario che è cresciuto di più? Con chi vi giocherete lo scudetto?
«Quest’anno il campionato sarà molto equilibrato. In A sono tornati Spalletti e Mourinho, Sarri è andato alla Lazio, Inzaghi all’Inter. L’Inter ha vinto lo scudetto ed è la favorita, noi dobbiamo fare un percorso che ci porti a maggio per vincere il campionato. Poi c’è la Supercoppa, c’è la Coppa Italia e c’è la Champions che deve essere un desiderio, da parte di tutti. Ora pensiamo a passare il primo turno…».

Fino a due anni fa non c’erano cinque sostituzioni…
«Spero di non far casino, perché non ci sono abituato (ride ndr). Inizierò con tre poi vediamo».

La teoria del “corto muso” ha avuto qualche evoluzione?
«L’importante è arrivare in fondo con quel punticino di vantaggio che serve per vincere. Sappiamo che farlo serve prendere pochi gol, anche quest’anno ha vinto la miglior difesa».

Che ci dice del suo nuovo ruolo da allenatore manager?
«Io sono un allenatore aziendalista, devo portare risultati, creare valore ed essere in totale sintonia con la società. Quando ci sono decisioni da prendere ci riuniamo e le prendiamo. Mi viene da ridere quando sento la parola manager…».

Sicuro che CR7 sarà il centravanti della Juve?
«Sono sicuro che fa gol, poi che giochi a sinistra o destra cambia poco. Lui e Dybala sono dei cecchini…».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo