Troppe serrande abbassate sotto la tettoia
News
VIA NEGARVILLE

Allarme serrande abbassate. Il rilancio costa 120mila euro

Il bando non è stato pubblicato. E al Comune mancano i fondi

Un centro commerciale mezzo vuoto. Costruiti negli anni ’60 quando a Mirafiori Sud  la vita era ben diversa da quella di oggi, gli spazi di via Negarville 8 da tempo ormai vivono in uno stato di agonia. Su nove locali solo cinque sono occupati, mentre i restanti quattro sono vuoti. E il guaio è che da anni non si fa avanti nessuno. Il bando non è mai stato pubblicato, poiché i negozi necessitano di lavori di manutenzione. Imponenti e costosi, stimati dai tecnici di Palazzo Civico nell’ordine di ben 120mila euro. «Abbiamo ricevuto solo richieste informali, ma il cattivo stato dei locali al momento blocca tutto», così l’assessorato all’Urbanistica in risposta a un’interpellanza presentata in circoscrizione Due da Daniele Muò, consigliere Cinque Stelle.

«Serve un bando con tempi più lunghi e prezzi più bassi in caso di cospicui investimenti di messa a norma», afferma Muò. A norma, negli spazi vuoti, non c’è molto. Nell’ex macelleria equina bisogna smantellare bancone e celle frigorifere, rifare i bagni e gli impianti. Nella merceria chiusa vanno invece eliminati mobili, tessuti e attrezzature varie. Via il bancone del bar anche dove c’era l’associazione Abbraccio, che ha lasciato prima dell’estate a causa delle morosità nei confronti del Comune. Insomma, non può certo essere un presepe, allestito fino all’Epifania nell’altra macelleria vuota grazie all’impegno di Aris e dei residenti di zona, a rilanciare il centro commerciale. Serve ben altro, sotto una tettoia dove purtroppo sono rimasti in pochi e quei pochi sono pure in bilico. Ad esempio l’ufficio postale, rimasto aperto dopo la decisione dei vertici di congelarne, per il momento, la chiusura. Qualcosa negli ultimi tempi si è mosso, ma non c’entra nulla col rilancio commerciale. A giugno l’inaugurazione del rinnovato giardino Pugno – al taglio del nastro anche la sindaca Chiara Appendino – con ping-pong, canestri e archi porta-bici. Ora c’è il presepe, che sta andando bene in termini di visite. Ma non può bastare.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo