Schermata 2017-03-07 alle 07.46.05
News
Preservativi usati e fazzoletti a pochi passi da una stazione della polizia municipale

Un’alcova di fronte alla chiesa per le lucciole di corso Novara

Uno spettacolo indecente che si consuma di sera dietro ad alcuni alberelli

Preservativi usati, involucri di plastica e fazzoletti di carta sparsi ovunque tra il terreno fangoso e il marciapiede. Uno spettacolo indecente che si consuma di sera dietro ad alcuni alberelli. Non in un parco isolato o in una via chiusa al traffico, ma davanti ad una parrocchia, la “Gesù Operaio”, e ad un isolato di distanza da una stazione dei vigili urbani.

Succede che il giardinetto di via Ternengo sia diventato un’alcova a cielo aperto. Proprio lì a due passi da corso Novara, dove da tarda sera le prostitute africane prendono possesso del territorio. Le auto sostano nel controviale, i clienti contrattano qualche secondo la prestazione occasionale con la ragazza di turno prima di andare a consumare il rapporto, nel giro di un quarto d’ora, alle spalle dell’ex Scalo Vanchiglia o in quel giardino dove l’illuminazione è precaria e dove nascondersi dietro alle piante può rivelarsi un’opzione da prendere in considerazione. Quello che rimane alle prime luci dell’alba è facile da individuare, sparso dietro alle panchine. Decine e decine di condom e di cartoni, coperte e addirittura deiezioni umane. Orrori a cui nessuno vuole proprio farci l’abitudine.

Un via vai che ha letteralmente sconvolto i fedeli del quartiere. “Una situazione imbarazzante e a dir poco assurda – spiegano allibiti Franco e Matteo, due degli anziani più arrabbiati -. Eppure dietro a quelle piante c’è di tutto, chissà cosa non succederà con l’arrivo della bella stagione”. Clienti e lucciole, evidentemente, non hanno paura di essere visti. Né dai passanti né da una eventuale auto dei vigili in movimento. “Non eravamo al corrente della situazione – dichiara il coordinatore alla Sanità della circoscrizione Sei, Dario Licari -. Ma ci attiveremo per far pulire il giardino e per capire come abbia preso corpo questa realtà”.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo