tendopoli suk cq
News
SAN PIETRO IN VINCOLI

Al suk spuntano le tendopoli: «Ora sgomberate gli abusivi»

Associazioni e commercianti del Balon in rivolta

Non bastavano i camper, gli abusivi e tutte le polemiche nate nelle ultime settimane. Nel parcheggio di San Pietro in Vincoli sono comparse anche le tende. Lo dimostrano le foto scattate nell’ultimo fine settimana dalle famiglie che si affacciano sulla piazza che ospita il mercato del Barattolo. L’ennesima gatta da pelare di una situazione stagnante che continua a non trovare soluzioni, nonostante i proclami in prefettura e a Palazzo Civico.

LETTERA DEI COMITATI
Le associazioni e i comitati riuniti di Porta Palazzo, l’associazione Commercianti del Balon, il Cortile del Maglio e i residenti hanno nuovamente inviato una lettera di fuoco al prefetto di Torino, Claudio Palomba, e alla sindaca, Chiara Appendino, per denunciare la presenza di venditori abusivi a Canale Molassi e San Pietro in Vincoli. Fin qui nulla di nuovo, se non fosse per quelle tende che venerdì sera hanno fatto capolino nel piazzale.

Chi vuole il posto al suk, del resto, deve organizzarsi come meglio crede. E gli accampamenti, ormai, sembrano andare per la maggiore. «Neanche i tavoli in procura – commenta la presidente, Adriana Romeo – ci hanno regalato qualche risultato. Tra scadenze mai rispettate e parole al vento. Questa assenza istituzionale drammatizza anche le attività commerciali circostanti che stanno subendo questa situazione direttamente sul proprio lavoro, cosa che fa prevedere che a breve molte di esse dovranno chiudere in quanto impossibilitate e soffocate dall’occupazione abusiva».

IL NO DEI MERCATINI
Neanche un mese fa da Palazzo Lascaris era arrivato – forse un po’ a sorpresa – un «no» ai mercatini del libero scambio e ai “suk” in Piemonte. Il Consiglio regionale, infatti, ha approvato l’ordine del giorno presentato dal capogruppo di Fratelli d’Italia, Maurizio Marrone, che vieta «tutti i “suk” del degrado esigendo il rispetto delle regole senza eccezioni». E dopo 32 settimane di mercato completamente abusivo, in molti si chiedono quando si passerà dalle parole ai fatti.

«Mi chiedo – denuncia il capogruppo di FdI della Circoscrizione 7, Patrizia Alessi – che fine abbia fatto il verbale di intesa tra prefetto, sindaca e cittadini. Aspettando la delibera della Giunta regionale dopo l’odg del capogruppo di FdI Marrone “Stop suk” votato da tutta la mggioranza di centrodestra nl consiglio regionale di fine luglio». Ora la giunta con una nuova delibera, dovrà cancellare il provvedimento con cui l’esecutivo presieduto da Sergio Chiamparino aveva escluso dal divieto previsto dalla legge regionale sul commercio l’attività di vendita svolta nell’ambito di progetti comunali finalizzati al contrasto alla povertà.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo