Niente fondi per il polo sanitario di Venaria
News
VENARIA

«Al polo sanitario 15 milioni», ma il Governo ha detto di no

L’emendamento della Lega al decreto Rilancio è stato bocciato
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Quindici milioni di euro. È quanto ha chiesto la Lega, attraverso l’onorevole venariese Alessandro Benvenuto e ad altri deputati del Carroccio, al Governo per l’ampliamento del polo sanitario di Venaria. Benvenuto, attuale presidente della commissione Ambiente della Camera, ha proposto nella giornata di martedì in Parlamento un emendamento al Decreto Rilancio «per chiedere un rafforzamento dell’attività di una struttura sanitaria in funzione da pochi mesi, nonostante la chiusura dettata dal Coronavirus – spiega Benvenuto – Ma Pd, 5 Stelle e Italia Viva non hanno voluto, opponendosi alla possibilità di destinare 15 milioni di euro per il territorio, con cui aumentare i servizi per i cittadini». L’emendamento era in esame in Commissione Bilancio «e la maggioranza giallorossa ha bocciato la nostra richiesta senza nemmeno aprire una discussione sul tema. Eppure ci sembrava una proposta utile e di buonsenso per Venaria e per i cittadini dei paesi vicini, che hanno nel Polo sanitario un importante punto di riferimento».

+++ CONTINUA A LEGGERE NEL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo