E’ successo in una villetta a schiera
News
SANGANO

Aggredito in casa da tre banditi, pestato e rinchiuso nel bagno

Misterioso episodio ai danni di un meccanico in piena notte

Aggredito e pestato in casa sua da tre banditi mascherati che poi sono scappati senza rubare nulla. Un episodio ancora avvolto dal mistero, sul quale stanno indagando i carabinieri della compagnia di Rivoli impegnati a cercare un movente dal quale partire per dare un nome e un volto ai malviventi che hanno spedito in ospedale un meccanico 47enne.

È successo nella notte tra martedì e ieri. È stato lo stesso meccanico a spiegare che ad aggredirlo sono stati in tre, tutti mascherati. Secondo quanto è stato ricostruito dai carabinieri, i tre si sono introdotti nell’abitazione dell’uomo – una villetta a schiera – dalla finestra del bagno, non visibile dalla strada. Poi lo hanno aspettato nel buio, fino a quando non è tornato a casa, oppure sono stati sorpresi dal suo arrivo. Appena entrato, è stato aggredito alle spalle e colpito più volte alla testa con il calcio di una pistola. Reso impotente l’uomo, lo hanno rinchiuso nel bagno e si sono dileguati nel nulla.

Il meccanico, prima di fare ricorso alle cure del pronto soccorso, ha spiegato ai militari di non avere nessuna idea di chi fossero gli aggressori e neanche dei motivi che li hanno mossi, negando di avere ricevuto minacce o di avere nemici particolari. I punti interrogativi sulla vicenda sono quindi numerosi. Al momento le principali ipotesi sul tavolo sono due: la prima è che si trattasse di semplici topi d’appartamento, sorpresi dal rientro in casa dell’uomo e convinti a scappare dopo aver capito che quello che doveva essere un semplice furto si era trasformato in una ben più rischiosa rapina. La seconda è che il loro obiettivo fosse proprio il meccanico o qualcosa di prezioso che secondo loro poteva nascondere in casa e che quindi quello della scorsa notte sia stato un vero e proprio agguato.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo