Foto: Depositphotos
Cronaca
L’OPERAZIONE

Adescavano bambini su un gioco online, poi chiedevano foto e video intimi: due pedofili in manette

Perquisizioni anche a Torino per un 27enne di Caltanissetta e un 35enne di Vicenza

Adescavano minorenni attraverso le chat di un videogioco online, passando poi a conversare su Whatsapp per chiedere foto e video intimi.

DUE ARRESTI
La Procura della Repubblica di Torino ha delegato al Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Torino Mirafiori due ordinanze di custodia cautelare in carcere per un 27enne della provincia di Caltanissetta e un 35enne della provincia di Vicenza, entrambi gravemente indiziati di violenza sessuale su minore, pornografia minorile aggravata e detenzione ingente di materiale pedopornografico.

L’INDAGINE
L’attività di indagine è partita nel settembre 2021 in seguito alla denuncia presentata dalla madre di una bimba adescata sul web. La piccola sarebbe stata contattata, per l’appunto, attraverso un gioco online e da lì i pedofili, una volta conquistata la sua fiducia, hanno chiesto il numero di cellulare per conversare su Whatsapp e, una volta giunti a parlare sulla piattaforma di messaggistica, le hanno chiesto fotografie e video intimi sia suoi che del fratellino minore.

SEQUESTRATI CELLULARI CON MATERIALE PEDOPORNOGRAFICO
Le prime perquisizioni sono scattate già nel mese di dicembre scorso, una volta individuato uno degli interessati. In tale occasione i militari hanno sequestrato all’uomo un telefono cellulare contenente un ingente quantitativo di materiale pedopornografico, ottenuto tramite conversazioni Whatsapp e Telegram.

PERQUISIZIONI IN TUTTA ITALIA E A TORINO
Da li l’esecuzione di 12 perquisizioni in tutta Italia col sequestro di svariati dispositivi elettronici che sono al vaglio degli investigatori. L’indagine ha consentito di raccogliere elementi che portano a ritenere in ipotesi di accusa il ricorso ad una strategia di adescamento particolarmente subdola, fatta di avances e complimenti virtuali rivolti a minorenni, spesso proprio tramite chat di giochi online.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo