trampolini pragelato
Cronaca
PRAGELATO

«Addio ai trampolini»: al loro posto il biathlon e (forse) l’arrampicata

Il 18 maggio vertice con gli enti gestori

I trampolini non ospiteranno mai più un solo salto. Partendo da questo presupposto, a Pragelato si sta progettando il futuro dell’area che nel 2006 ospitò le Olimpiadi invernali e la cui vocazione resterà comunque sportiva. Cominciando da quello che pare ormai il primo paletto: «Nella spianata – spiega il vicesindaco, Mauro Maurino – sorgerà un impianto per il biathlon che di fatto andrà a implementare e ingrandire quello olimpico del fondo, e che in estate si potrà utilizzare per lo skiroll. E così riapriremo anche l’hotel che sorge ai piedi dei trampolini, chiuso ormai da un paio di anni». Il progetto è in dirittura d’arrivo, anche perché i tempi sono piuttosto stretti: «L’obiettivo – continua Maurino – sono i Giochi Mondiali Universitari del 2025. Il che significa che deve essere tutto pronto un anno prima, per ospitare i test event». Come al solito, la burocrazia italiana non aiuta: l’area è di proprietà di Città metropolitana, affidata a Fondazione 20 marzo e gestita da Parcolimpico. «Proprio per venirne a capo il prima possibile – anticipa il sindaco, Giorgio Merlo – ho chiesto un incontro con tutti gli enti interessati, che è stato fissato per il 18 maggio». E con la Fisi si sta già discutendo l’approdo in loco, una volta pronti gli impianti, di un nuovo centro federale.

Di questo e non solo si è parlato con i delegati della Fisu che hanno effettuato un sopralluogo nei giorni scorsi e che, dopo aver analizzato la situazione del biathlon, hanno promosso a pieni voti il fondo, già ora pronto a ospitare le gare del 2025. Ma questa per Pragelato è un’occasione che va oltre il singolo evento. «L’obiettivo è rilanciare il turismo nella nostra cittadina, anche oltre la stagione invernale e quella estiva. Per questo – spiegano i due amministratori – l’impianto potrà essere utilizzato anche per lo skiroll, e per questo nella partita rientra anche l’hotel che in parte sarà utilizzato per locali di servizio all’impianto sportivo e in parte tornerà a ospitare i turisti». Inevitabilmente lo sguardo però si alza dalla spianata e corre verso il fianco della montagna. «Siamo consapevoli – spiega il vicesindaco – che dopo aver perso l’occasione delle Olimpiadi 2026 il trampolino non riaprirà mai più. Ora bisogna pensare al futuro. Smontarlo è impossibile: oltre a essere complicato per la stabilità della montagna, costerebbe milioni di euro». E quindi ecco la prima bozza di progetto. «In parte resterebbe com’è, una sorta di monumento a Torino 2006. E una parte potrebbe essere riconvertito, conservando il basamento. Ad esempio, come parete da arrampicata. L’idea è quella di creare un polo turistico a vocazione sportiva in un’area che è già compromessa, preservando quelle invece intatte». A completare il tutto, l’ipotesi di adattare il vicino piccolo impianto di risalita per lo sci alpino, in modo che senza neve possa essere utilizzato per lo sci d’erba.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo