Depositphotos
Istruzione
“Talenti per la scuola”

Accesso gratuito ai centri estivi per 250 bimbi di Torino

L’iniziativa di Fondazione CRT e Rete delle Case del Quartiere per sostenere le famiglie in difficoltà economica

Crisi pandemica e restrizioni normative hanno reso anche quest’anno per molte famiglie più difficile e onerosa l’iscrizione ai Centri estivi torinesi. Nonostante lo sforzo di associazioni, cooperative e parrocchie nel tenere i costi di iscrizione il più possibile contenuti, in molte aree della città è emerso il bisogno di sostenere famiglie in difficoltà per consentire l’accesso a questa occasione educativa, tanto più importante dopo un anno scolastico per lo più passato a casa.

Questa la ragione della collaborazione tra la Fondazione CRT e l’associazione di promozione sociale Rete delle Case del Quartiere nell’ambito dell’iniziativa “Talenti per la scuola”, in collaborazione con le realtà della Rete Torino Solidale. L’idea è stata di intercettare le famiglie maggiormente in difficoltà su tutto il territorio cittadino e mettere a disposizione dei Centri estivi risorse economiche a copertura delle quote di iscrizione per i bambini e ragazzi di queste famiglie.

Si tratta di famiglie residenti a Torino, in condizione di grave disagio economico (isee inferiore alla soglia di povertà di 6000 euro), individuate tra quelle che a partire dall’inizio del periodo pandemico hanno beneficiato dell’attività di sostegno alimentare degli enti che fanno parte della Rete Torino Solidale, ovvero: Sermig, Asili Notturni Umberto I, le 8 Case del Quartiere di Torino, Arci, Damamar, Consulta Adulti in Difficoltà, Gruppo Abele, Uisp, con il coordinamento della Città di Torino. 

La Rete Torino Solidale svolge una attività di sostegno alimentare che da 16 mesi sta coinvolgendo 10.000 nuclei famigliari, per un totale di circa 30.000 cittadini torinesi, tra cui più di 10.000 minori residenti su tutto il territorio della città. Un’attività che ha consentito di individuare famiglie in difficoltà economica e situazioni di povertà educativa e di esclusione, a cui è stato proposto un ulteriore sostegno per l’accesso ai centri estivi.

Il contributo complessivo di 30.000,00 euro messo a disposizione dalla Fondazione CRT, attraverso il coordinamento della Rete delle Case del Quartiere è stato erogato direttamente ai centri estivi in base alle esigenze delle famiglie, per un sostegno fino a 9 settimane di iscrizione, con un ottimo impatto in termini di costi/benefici.

L’iniziativa ha coinvolto 16 centri, tra parrocchie, oratori, case del quartiere e centri del protagonismo giovanile, gestiti da una pluralità di organizzazioni ed enti del no profit radicati sul territorio: Oratorio San Gioacchino, Alkadia Summer Camp, Amece, Mirafleming, Centro Estivo Crocetta Calcio, Lo sai che a San Donato – Centro estivo di quartiere Più SpazioQuattro, Estate Bimbi La Rocca Incantata – Cascina Roccafranca, Parrocchia San Barnaba, Parrocchia San Luca, Parrocchia Santa Famiglia di Nazaret, Vacanze interessanti 2021, R-Estate Ragazzi, Estate insieme 2021, Uno Due Tre Liberi Tutti – Casa del Quartiere San Salvario, Cecchi Point – Educadora, Movillage Summer Camp. I centri estivi coinvolti operano in diverse aree della città, quali Aurora, Porta Palazzo, Madonna di Campagna, San Donato, Mirafiori Nord, Mirafiori Sud, Barriera di Milano, San Salvario, Valdocco, Vallette, Lingotto.

Questi i numeri del progetto: 

– 250 bambini e ragazzi iscritti ai centri 

– ulteriori 53 bambini hanno partecipato alle gite organizzate dall’associazione Educadora – 944 settimane complessive di frequenza alle attività coperte dal contributo di CRT – il 22% delle famiglie hanno iscritto più di 2 figli 

– quasi il 20% dei ragazzi ha partecipato a più di 6 settimane di attività estive.

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo