A destra: Michele Consentino, 69 anni, autista volontario di scuolabus di una cooperativa torinese, si era rifugiato in Francia dopo le accuse
Cronaca
Catturato a Chambery: le vittime tutte di origine extracomunitaria

Abusi sessuali su minori disabili a Torino: 69enne arrestato in Francia

Sfruttando il suo ruolo di volontario accompagnatore dei bambini conquistava la loro fiducia e quella delle famiglie

È accusato di violenza sessuale aggravata e continuata in danno di soggetti minori diversamente abili sia sotto il profilo psichico che psicologico, per fatti avvenuti a Torino tra il 2018 e la fine del 2019, ed è stato arrestato a Chambery, in Francia, al termine di un’articolata attività di indagine condotta dagli agenti di polizia del commissariato Dora Vanchiglia.

Secondo gli inquirenti, un uomo di 69 anni, cittadino italiano e già gravato da pregiudizi penali, mascherandosi da volontario accompagnatore di bambini disabili era riuscito guadagnare l’affetto e la fiducia delle proprie vittime e delle loro famiglie, anche grazie al carattere comunicativo e all’aria divertente.

Approfittando del ruolo rivestito e dello stato di minorata difesa psichica delle proprie vittime, nonché della loro minore età, aveva nel tempo abusato del ruolo che si era costruito, sottoponendole ad abusi di natura sessuale. Le vittime, tutte minorenni e di origine extracomunitaria, hanno subito abusi senza possibilità di avvedersi di quanto stava accadendo e di fare denuncia.

Le indagini della polizia italiana andavano avanti da tempo e l’uomo, destinatario di un decreto di fermo, era scappato improvvisamente rendendosi irreperibile e riparando in Francia. La sua fuga ha avuto però vita breve. Questa mattina, infatti, si è presentato alla polizia municipale francese di Chambery per un adempimento burocratico ed è qui che è stato riconosciuto e arrestato.

Nei suoi confronti, infatti, era stato spiccato un mandato di arresto europeo per la misura della custodia cautelare in carcere. Nei prossimi giorni, concluso il procedimento di estradizione, l’uomo sarà consegnato alla giustizia italiana.

+++ ULTERIORI APPROFONDIMENTI NEL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo