img
News

Gara di solidarietà: dopo i sacchi a pelo arrivano i farmaci

È strano come a volte la solidarietà intrecci le proprie trame in maniera insondabile. Nel giorno in cui il consiglio regionale ha recapi­tato in redazione i sacchi a pelo donati da una sottoscrizione bipartisan e le associazioni di volontariato lanciano attraverso lo sportello “Io scelgo la salute” una nuova iniziativa a favore dei senzatetto torinesi, quella di una colletta per l’acquisto di medicinali, l’ammi­nistratore delegato di Si Sistema Italia, Fran­co Reale, ha consegnato a CronacaQui una somma di denaro da devolvere a favore degli “ultimi”. «A me e alla mia famiglia l’idea è venuta non appena abbiamo letto l’appello che il giornale ha lanciato dalle sue colonne ­ha commentato il dottor Reale -, ci è sembra­to quasi normale. La nostra azienda si occupa di consulenze, e la nostra piccola donazione vuole anche rappresentare un messaggio a tutti quelli che guardano i bilanci prima dell’umanità che li circonda. Viviamo una sola volta, pensiamo anche a chi ha meno di noi. E perché allora non donare anche derrate alimentari oltre ai farmaci e ai sacchi a pe­lo? ». Le donazioni di termocoperte non si sono fermate neanche ieri, con semplici citta­dini e politici come il consigliere Pdl alla Sei Domenico Garcea che hanno voluto fare la loro parte «in una delle tante belle iniziative di CronacaQui alle quali sarebbe un peccato non partecipare». Ora restano da acquistare i farmaci, come del resto auspicato dalle asso­ciazioni che dalla Bartolomeo&C. ai pionieri della Croce Rossa si appoggiano al Forum del Volontariato e allo sportello che l’Aress ha aperto in corso Palestro 3. «La nostra idea ­spiega Annalia Giliberti, che del Forum è la presidente – è quella di aprire una colletta e distribuire farmaci di base attraverso uno stretto controllo sulle somministrazioni. In fondo sono sufficienti poche confezioni di collirio, disinfettanti e creme per alleviare le sofferenze di chi vive in strada. E dai nostri calcoli basterebbero appena 300 euro per garantire fino a marzo un’assistenza medica di base ai clochard torinesi».

 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo