img
Sport

Botta e risposta Moratti-Benitez: «A Brema niente figuracce». Lui offeso: «Mai fatte»

«Niente figuracce in Champions’», dice Massimo Moratti, «di figure non ne abbiamo mai fatte, ci siamo qualificati e sono orgoglioso di quello che la squadra ha fatto», gli ha risposto piccato Benitez dalla Germania. Quasi obbligato a vincere lo spagnolo che, tuttavia, nelle convocazioni per l’ultima sfida del girone ha mostrato una certa prudenza. Non che a Rafa faccia piacere dover fronteggiare nuove critiche in caso di sconfitta stasera in casa del Werder, ma è chiaro che il Mondiale per club conta più di una gara che non vede in ballo la qualificazione (quella è in cassaforte) e che può servire ai nerazzurri solo per evitare scomodi accoppiamenti negli ottavi di finale.

Manchester United, Barcellona, Bayern Monaco, Chelsea, Real Madrid, più una tra Schalke 04 e Lione e un’altra tra Shakthar Donetsk, Arsenal e Sporting Braga sono le squadre che potrebbero uscire dall’urna nel caso in cui Zanetti e soci dovessero accontentarsi del secondo posto. È forse questo a mettere in allarme il presidente. «È obbligatorio fare bene perché in Champions non puoi fare figure del cavolo – ha detto ieri mattina entrando nei propri uffici – Dopo ci sarà il Mondiale, che ha un grande significato. Tutti siamo forse più presi da quello piuttosto che dal resto». Un’ammissione di quanto avverte a livello sentimentale il primo tifoso, nella speranza che non ci pensino troppo gli 11 titolari della gara di Brema.

l’articolo di Mattia Todisco su CronacaQui in edicola in Lombardia

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo