img
Sport

Dinho separato in casa, con Allegri fa la riserva: a gennaio può andarsene

Ronaldinho dice di voler re­stare al Milan e magari chiudere anche la carriera in rossonero. Così afferma il brasiliano, che, invece, proprio della sua squadra sta diventando un corpo estra­neo. Le sei panchine consecutive sono una parte della prova, l’al­tra è che nelle ultime due gare il tecnico Massimiliano Allegri lo ha fatto entrare solo nel finale di partita, facendogli giocare una manciata di minuti. Niente di più. Contro l’Auxerre, in Cham­pions League, il “dentone” è riu­scito a segnare una rete. Mentre sabato, contro la Samp, non gli è andata bene come contro i fran­cesi. Qualche volta ti può anche andare male. La verità è che forse in coppa gli è andata molto bene. In questo strano Ronaldinho-pe­riodo solo una cosa è rimasta uguale: il sorriso a ‘tutto campo’ che il fantasista non ha mai per­so, né in panchina né in allena­mento. Un’allegria che a Ronal­dinho scorre dentro. Ma il “per sempre” non esiste. Neanche per Ronaldinho e il suo sorriso…

L’articolo di Tiziana Cairati su CronacaQui in edicola in Lombardia il 30 novembre 2010

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo