img_big
Rubriche Musica

Nel salotto virtuale di Lady Jazz (Alberto Alpozzi fotografa Susan Malon)

La bellezza è una qualità che viene percepita nelle cose che suscitano piacevoli sensazioni con un intenso contenuto emozionale; è questo il segreto del successo di Susan Malon – Lady Jazz una donna bellissima che ha fatto del jazz uno stile di vita: con il passare del tempo si evolve arricchendosi, come le sonorità tipiche del jazz, di svariate sfumature.

Susan cerca con la sua forte passione per questo genere musicale tutte le fusion possibili, ed è per questo che ha come scopo quello di esaltare l’esuberanza della gioventù che vive in fusion con la musica in tutte le sue forme. Grazie alla sua intraprendenza e dinamicità è diventata nel giro di pochi mesi una icona ed un punto di riferimento della rete per tutto gli appassionati di jazz e musicisti a vari livelli.

Susan, come ci racconta vuole “essere l’espressione più semplice e immediata dell’amore per la musica. Una passione tanto grande che mi ha coinvolto in uno scambio diretto e continuo con vari professionisti in un progetto di grande impatto che si sta diffondendo giorno per giorno tra gli internauti. L’esperienza positiva e le sinergie derivate dal concept work realizzato, sono diventati – continua Lady Jazz – gli input necessari a far evolvere e crescere ancora di più un’idea nata per passione: promuovere la musica coniugandola nelle sue svariate forme creando uno spazio web allo scopo di accogliere musicisti, artisti e professionisti, emergenti e non, interessati a fusion musicali di ogni genere siano esse culturale, etnica o generazionale.”

Il salotto virtuale di Susan – www.susanmalon.com  – desidera quindi dar voce a chi vive con dedizione ed entusiasmo il magico mondo delle sette note.

L’immagine della nuova Icona Jazz è stata curata dal fotografo professionista Alberto Alpozzi in collaborazione con la Make Up Artist Isela Lizano, l’Hair Stylist Simona Fronea, con costumi di scena realizzati da Gabriella D’Oronzo e l’aiuto costumista Chiara Russo.
Un set molto particolare allestito nella sala di registrazione Blu Musica e documentato dal regista torinese Stefano Ferron che ha documentato tutta la lavorazione.

 

 

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Sportegolando
LA RUBRICA
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo