img_big
Sport

Buffon “sindacalista”: «Torno a dicembre e resto bianconero»

Gigi Buffon scaccia via in un sol colpo tutte le polemi­che: quelle sulla sua assenza dallo Juventus Center di Vinovo e quelle su un possibile addio ai colori biancone­ri: «Penso che alla fine resterò alla Juve. Il progetto bianconero mi piace», ha detto nel giorno della presen­tazione del nuovo sindacato dei calciatori (Anc) di cui è uno dei rappresentanti. E sul collega Storari che lo sta sostituendo alla Juve ha aggiunto: «Meritava di essere convocato in Nazionale». Dopo l’operazione di ernia del disco postuma all’ultimo infortunio ai Mondiali, Buffon aveva intrapreso un lungo cammino fisioterapico che tutt’ora lo tiene molto impe­gnato: «Sto sempre meglio e da dicembre mi potrò ag­gregare alla squadra e que­sto è già un grande traguar­do. Quando avrò una condi­zione fisica ottimale tornerò a disposizione del mister che deciderà quando schie­rarmi », ha aggiunto il por­tiere bianconero.
Sul campionato, invece, Buffon ha parlato di Milan fa­vorito per il successo finale: «Il Milan quest’anno sem­bra essere la squadra più attrezzata per puntare al tricolore. Lasciatemi dire che non mi sono piaciute tutte queste polemiche contro Benitez. Secondo me sono ingiuste, soprattutto se si vanno a vedere tutti gli infor­tunati che hanno i nerazzurri». E la Juve: «Se alla fine della stagione saremo a 18 punti dal Milan avremo fallito, se invece finiremo a 3-4 punti dalla prima, allora no». Infine, una risposta proprio alle polemiche delle settimane scorse: «Tutti mi chiedono come mai non mi si vede: la verità è che dal 9 agosto sto facendo due allenamenti al giorno: sono parecchi e sono serviti a migliorare il mio stato di forma».
Marco Avena

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo