Sorpreso con 300 grammi di hashish in auto: 23enne in manette a Sant'Antonino Susa (foto di repertorio).
News
NICHELINO

82enne buttata a terra e rapinata per 40 euro del “Gratta e Vinci”

La donna ferita è stata trasportata in ospedale, in manette un uomo e una donna

Aveva vinto una piccola cifra acquistando un “gratta e vinci” in una tabaccheria di via Torino, ma mai avrebbe pensato che quei 40 euro potessero far gola ai due balordi che l’hanno seguita fin sotto casa per derubarla. Una brutta avventura, accaduta lo scorso sabato in una zona tranquilla residenziale della città. Protagonista, suo malgrado, un’anziana di 82 anni, vedova, che per una volta aveva deciso di tentare la fortuna ad una lotteria istantanea. Ma per l’anziana donna la dea bendata aveva in serbo una piccola sorpresa: una modesta cifra passata dalle mani del tabaccaio direttamente alle sue tasche. Pochi soldi, che però non sono passati inosservati a una coppia presente in quel momento nel negozio. Un pregiudicato di 36 anni, Simone Miele, originario di Avellino e senza fissa dimora, e la sua compagna, Vanessa Silvestro, 49enne di Nichelino. Probabilmente ai due è bastato uno sguardo complice per decidere di appropriarsi della “preziosa” vincita di quell’anziana. Così l’hanno seguita sin sotto casa, in via Cavour. Poi, quando la donna è entrata nell’androne del suo palazzo, lontani da occhi indiscreti non hanno esitato ad aggredirla e scaraventarla in terra con violenza prima di sottrarle il denaro. Poi si sono dileguati mentre la poveretta chiamava aiuto. Soccorsa da alcuni vicini di casa, malconcia e dolorante l’82enne è stata portata dai sanitari del 118 all’ospedale Santa Croce di Moncalieri dove le sono state prestate le cure del caso. Fortunatamente le sue condizioni sono state giudicate guaribili in una decina di giorni e, nonostante lo shock, la donna non ha esitato a sporgere denuncia. Subito sono scattate le indagini da parte dei carabinieri di Nichelino che hanno preso in esame le immagini filmate dalle telecamere interne della tabaccheria. Ai militari sono bastati un paio di giorni per risalire ai responsabili della rapina: per Miele sono subito scattate le manette per rapina aggravata mentre la sua compagna, incensurata, è stata denunciata.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo