img_big
News

Ancora caldo torrido: 68enne colpito da infarto sotto il solleone

Il caldo record degli ultimi giorni ha rischiato di mietere un’altra vittima. Passata da poco la mezza di ieri, un uomo di 68 anni, Dino A., titolare di un negozio in piazza Graf, stava facendo ritorno a casa a bordo della sua auto quando giunto in via Nizza si è improv­visamente accasciato sul volante, sotto gli occhi increduli della moglie. In pochi minuti sul posto, oltre ad una pattu­glia della polizia, sono giunte tre ambulanze e altrettante squadre di soccorritori del 118 che sotto un sole rovente e osservati da decine di passanti e automobilisti incuriositi hanno tentato con ogni mezzo di rianimare l’uomo. Un’operazione delicata, durata più di 40 minuti, al termine dei quali l’elettrocar­diogramma ha rivelato una ripresa delle fun­zioni vitali. L’anziano malcapitato è stato quindi caricato in ambulanza e trasportato d’urgenza all’ospedale Mauriziano. Nonostante le temperature africane e le alte percentuali di umidità, responsabili dell’afa, i dati forniti dagli ospedali torinesi autoriz­zano a parlare di un’emergenza che starebbe progressivamente rientrando. Nella settima­na che volge al termine il pronto soccorso dell’ospedale Maria Vittoria ha fatto registra­re una lieve diminuzione – circa il 10% in meno rispetto a sette giorni fa – degli accessi. «Anche se lieve – spiega il responsabile Um­berto Stralla – la riduzione è andata di pari passo con l’abbassamento delle temperature, dunque in questo momento non ci sono variazioni rispetto alla media stagionale». Secondo quanto riferito dal 118 e dal pronto soccorso del San Giovanni Bosco la situazio­ne sarebbe stabile e sotto controllo. Molto diversa la situazione alle Molinette dove mercoledì si sono registrati 250 accessi nelle 24 ore, ben 35 in più rispetto alla media stagionale. Cifre considerevoli ma non rite­nute allarmanti. «Rispetto al picco di vener­dì e sabato – rivela Corrado Moiraghi, respon­sabile del pronto soccorso – c’è stato un miglioramento decisivo da domenica scorsa a martedì ma da mercoledì c’è stata di nuovo una ripresa del numero degli accessi. La situazione è anomala rispetto alla stagione ma fortunatamente non catastrofica». Un’emergenza che sembra tuttavia avere le ore contate. Stando al bollettino delle ondate di calore emesso ieri mattina dall’Arpa Pie­monte, afa e temperature record dovrebbero concedere una tregua già a partire dalla gior­nata di oggi. La temperatura scenderà dai 32 gradi di ieri ai 30 di oggi. Lo stesso vale per i gradi percepiti che passeranno da 34 a 32 in considerazione di un decremento delle per­centuali di umidità. Il risultato sarà una situazione di benessere generale con tempe­rature estive ma comunque tollerabili. La temperatura tornerà a salire già nella giorna­ta di sabato ma non si tratterà di un incre­mento preoccupante. La colonnina di mer­curio toccherà nuovamente i 32 gradi ma l’indice dello stress da calore si manterrà al livello più basso.Alessandro Porro Liliana Carbone

 

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Gruppo Gheron
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo