img_big
News

Torino: diventa mamma a 58 anni suonati

Mancano solo poche settimane e una donna di 58 anni realizzerà il suo desiderio di maternità nell’ospedale Sant’Anna di Torino, dove si trova ricoverata, nel reparto Alta complessità. Nessuna complicazione al momento, solo una misura precauzionale per la donna che, molto probabilmente, si è sottoposta ad un intervento di ovodonazione, proibito in Italia. La donna ha mantenuto il riserbo su dove e quando avrebbe fatto l’intervento. Ora non resta che aspettare il momento del parto perché, come spiega Silvio Viale, ginecologo del nosocomio torinese «partorire a quell’età non è certo una passeggiata” e sottolinea come questo non sia il momento di dare giudizi sulla vicenda, quanto quello di portare a termine la gravidanza, fatto per cui «ci sono tutti i presupposti». La futura puerpera 58enne della provincia torinese non è la prima donna italiana che resta incinta in età avanzata. Prima di lei c’é stata, nel 1992, Liliana Cantadori, ex ostetrica di 61 anni, di Modena, considerata la prima “mamma-nonna” d’Italia. Un altro caso celebre quello della cantate Miranda Martino di 58 anni e la regista Lina Wertmuller che fece parlare di sé per un caso di utero in affitto.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo