img_big
Cronaca

Amici, prime lacrime: Virginio e Vito si raccontano e piangono

Sono cominciate le lezioni dentro la scuola di Amici e i ragazzi piano piano si stanno conoscendo. Luca Zanforlin ha spiegato che tutti i titolari saranno giudicati di settimana in settimana dalla Commissione esterna e che una sola insufficienza comprometterebbe la permanenza. Virginio si è raccontato e parlando della famiglia si è commosso. Così anche il ballerino Vito che ha ricordato come è nata la sua passione per la danza.I professori interni intanto hanno assegnato le prove nelle quali i due titolari si esibiranno sabato per dimostrare di meritare il posto nella scuola: si inizia con Virginio a cui sono stati assegnati “Nell’assenzio” di Luca Di Risio (da Luca Jurman), “Amici mai” di Venditti (Dado Parisini), “I can’t make your love me” di George Michael (Maira Grazia Fontana), “L’Aurora” di Ramazzotti (Rudy Zerbi), mentre la Di Michele ha voluto che il cantautore riproponesse la sua “Non ha importanza”.Virginio ha raccontato di sè e ha anche spiegato che la sua partecipazione a Sanremo risale a un periodo in cui era legato al suo ex produttore. Un’occasione non sfruttata a pieno cui è seguito un periodo di silenzio, prima di ricominciare a scrivere canzoni. Grande commozione quando parla della sorella e del fratello. Vito si dimostra sicuro e determinato: racconta di quando ha iniziato a ballare, a 14 anni, grazie alla segnalazione di una ex ballerina che gli ha fatto i complimenti. Tante lezioni gratis in giro per la città e poi l’audizione al San Carlo, dove è entrato ma non senza fatica dal momento che gli mancavano le basi. A Vito sono state assegnate le coreografie di Cannito, Portal e Garrison.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo