img
Cronaca

Milan, difesa di ferro: ma ora si ferma Abbiati

Non ci sono facce nuove, ma il muro è stato eretto. Nessun rinforzo di rilievo, solo rincalzi utili per far rifiatare i titolari. Ma qualcosa è cambiato. La difesa del Milan è tornata ad essere solida, forte. Merito della coppia centrale Nesta – Thiago Silva,
ma è indiscutibile come, dietro a questo miracolo, ci sia la mano di Massimiliano Allegri. Corsa, compattezza, intensità e sacrificio. So­no questi i cardini della filosofia di gioco del tecnico livornese; e nella sfida contro il Parma, per la prima volta, si sono visti tutti insieme. La gara contro i Ducali ha messo in mostra un Milan convincente, in forma e sulla retta via.
ALLEGRI, LA SOLIDITA’
Nella scorsa stagione, il Milan era arri­vato alla sosta di ottobre con nove punti conquistati dopo sette gare in serie A e con tre punti in due partite in Champions League. Un bottino supe­rato brillantemente, visto che i punti in classifica in campionato sono 11 (con una gara in meno disputata) e in Champions quattro. Ma a questo c’è da aggiungere anche la ritrovata solidità difensiva dei rossoneri, che sinora hanno subito solo quattro reti in cam­pionato (di cui due dal Cesena) a fronte delle sette della passata stagione.

L’articolo di Luca Talotta su CronacaQui in edicola in Lombardia il 5 ottobre 2010

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo