img_big
Cronaca

Dal Conte Dracula a Twilight. Il Museo del Cinema di Torino infestato dai vampiri

“Diversamente vivi”, un titolo “politically correct” per uno degli eventi più attesi nel mondo del cinema torinese, “Diversamente vivi. Zombie, vampiri, mummie e fantasmi” animerà, o sarebbe più corret­to dire “infesterà”, da domani al 9 gennaio 2011 il Museo Nazionale del Cinema di Tori­no. Si tratta di una mostra ideata e curata da Peppino Or­toleva, una rassegna cinema­tografica che durerà sino al 24 ottobre ed una ghiotta pubbli­cazione con il volume curato dallo stesso Ortoleva con la complicità di Giulia Carluc­cio. Il titolo è abbastanza esplicati­vo: si vuole offrire una pano­ramica della filmografia in­centrata su creature leggenda­rie e folkloristiche presenti n el l ‘ immaginario collettivo. La manifestazione promette di essere di sicuro interesse non solo per gli appassionati del cinema ma anche per gli amanti di libri e fumetti hor­ror, visto che è proprio dal cartaceo che trassero (e traggo­no ispirazione tutt’ora) tante pellicole. E non c’è bisogno di andare troppo indietro nel tempo, magari citando il classico dei classici, quel ” Dracula” d e ll ‘ irlandese Bram Stoker che può vantare diverse tra­sposizioni cinematografiche tra cui l’ultima diretta nel 1992 da Francis Ford Coppo­la. Anche le cronache attuali riportano luminosi esempi di personaggi balzati con enor­me successo dagli scaffali del­le librerie al buio delle sale. Il fenomeno più recente è “Twi ­light”, saga che ha garantito soldi a palate all’autrice Ste­phenie Meyer e immortalità (se non reale, almeno divisti­ca) ai protagonisti dei film. I due esempi non sono scelti a caso, ma servono a dimostrare quanto sia sfaccettato il mon­do che la rassegna esamina: persino la figura del solo vam­piro può passare dalla creatu­ra diabolica e misteriosa nar­rata da Coppola a quella “ve­getariana”, emaciata e quasi angelica di Edward, protago­nista della più recente produ­zione hollywoodiana, che fa terrore solo agli amanti del brivido, quello vero. Il menù della rassegna è quin­di ricco: per gli ” Z om bi e” scendono in campo “La notte dei morti viventi”, “Ho cam­minato con uno zombie” e “La casa”; per i “Fantasmi” si va da “Ringu” a “The Others” a “Il sesto senso” e così via. In­formazioni allo 011.2178540.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo