img_big
News

Unicredit-Profumo, è divorzio

Arriva al capolinea l’avventura di Alessandro Profumo in Unicredit. Il cda ha messo alla porta l’amministratore delegato revocandogli le deleghe e conferendole al presidente, Dieter Rampl, che ha ricevuto il mandato dal consiglio a proporre e identificare nelle prossime settimane il successore. L’esito, non scontato ma atteso dal tam tam degli ultimi giorni, è arrivato dopo una giornata convulsa con le voci delle dimissioni che si sono rincorse fin dal mattino.Profumo ha voluto giocare le sue carte fino all’ultimo cercando la fiducia del consiglio. Ha trovato solo il voto favorevole del consigliere indipendente, Lucrezia Reichlin. È stato un board lungo (4 ore e mezza) cui ha partecipato anche Farhat Omar Bengdara, vice presidente ma soprattutto Governatore della Central Bank of Lybia che ha una quota del 4,98% dell’istituto. Si è trattato, si fa notare, di un consiglio che ha avuto anche toni accesi ma che ha puntato su una soluzione ampiamente condivisa.Il Cda ha offerto al manager la risoluzione consensuale del rapporto chiedendogli una risposta entro la mezzanotte, ma revocandogli le deleghe. La risposta non si è fatta attendere. «Ha firmato, ha rassegnato le dimissioni», ha detto la moglie Sabina Ratti lasciando, in tarda serata, lo studio legale Erede Bonelli Pappalardo. Solo all’una di notte, dopo che Profumo era rientrato in banca per ufficializzare il suo addio, è uscito il comunicato ufficiale dell’istituto.Nel frattempo alla spicciolata hanno lasciato la sede di Piazza Cordusio i vice del banchiere.«E finita un’era, ma Unicredit va avanti», ha commentato Paolo Fiorentino. Ora però per la banca che contende il primato in Italia alla ‘rivalè Intesa Sanpaolo, si apre un periodo di ‘interregnò con il presidente che dovrà gestire le deleghe lasciate vacanti da Profumo in attesa che sia individuato un nuovo capo azienda. E già si è scatenato il toto-nomine. (fonte: Ansa)

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo