img_big
Cronaca

Cold case a Torino: fornaio ucciso nel ’69, indagato un anziano dopo 41 anni

Il gip ha accolto la richiesta di annullamento del “non luogo a procedere” deciso nel 1969 e, 41 anni dopo, l’indagine sull’omicidio del panettiere Armando Birolo, freddato con un colpo di pistola al cuore in via Campobasso, può considerarsi riaperta a tutti gli effetti. Con un indagato, lo stesso di allora. A.M., che adesso ha 66 anni, fino a quindici giorni prima dell’assassinio lavorava come dipendente nel panificio della vittima. Fermato dagli uomini della squadra mobile, fu rilasciato perchè non vennero trovate prove a suo carico.L’articolo completo su CronacaQui in edicola il 21 settembre in Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta(Nella foto, il capo della Mobile di allora, il dottor Montesano,sulla scena del crimine con la moglie della vittima)

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo