img_big
Cronaca

Amici, Emma in concerto al PalaSharp: «Senza la musica non vivo»

” Come il bere, il dormire, il nu­trirsi: non posso fare a meno del­la musica” scriverà Emma nella sua tesina di maturità. E difatti la musica è da sempre il pane quotidia­no della vincitrice della nona edizio­ne di “Amici” che questa sera sarà in concerto al PalaSharp nell’ambito della festa del Pd. «Sarà un live diver­tente, movimentato – spiega la cantan­te – dove mi terrò nei limiti di quello che posso fare. Canterò tutti i brani del mio disco e alcune cover».Il tour arriva a Milano dopo le date estive: come sono andate?«Molto bene, ho im­parato tante cose: quando sali su di un palco entri in un’al ­tra dimensione. Stare a contatto con la gen­te è stimolante». A proposito: da chi è composto il suo pubblico? « Ho visto bambini, ragazze della mia età, genitori e qualche volta anche delle nonne. Non mi pos­so lamentare, ho una platea variega­ta ». Il suo disco d’esordio “Oltre” è sta­to doppio disco di platino. Non male come esordio: il segreto di questo exploit? «Partecipando a un talent show hai la possibilità, oltre di farti vedere spesso in tv, di farti volere bene da chi ti vede in televisione. Chi ha comprato il mio album si è affezionato non solo all’ar­tista, ma anche alla persona Emma. è come se la gente nutrisse dell’affetto verso di me». “Calore” è il brano che ha fatto da apripista al suo primo album: ma trai 7 brani presenti quale preferi­sce cantare?«Tutti, senza distinzione. Ogni can­zone esprime un sentimento diver­so ». Senza la partecipazione ad “Ami ­ ci” sarebbe stata più dura arrivare al successo? «Devo tanto al talent di Maria De Filippi, ma devo dire che sono anni che lavoro a un progetto, non sono nata ad “Amici” e ho già un po’ di esperienze alle spalle. Essere bravi non basta, se qualcuno vuole raggiun­gere un obiettivo deve essere pronto a tutto». Il complimento e la critica che più l’hanno colpita? «Mi piace quando le persone riescono ad andare oltre la mia “faccetta da ruvida” e capiscono come so­no realmente, quan­do dicono di apprez­zarmi per quello che sono e non per quello che appaio. Soffro quando sento dire che mi sento una cantante già arrivata. Ma scherziamo? So di essere stata fortu­nata, ma so anche che devo farne ancora molta di strada». A quando per il secondo disco?«Uscirà in autunno, ci stiamo lavo­rando. Sta uscendo un ottimo lavoro e sono contentisisma. Ci sarà un’Emma più serena e più matura». Con chi le piacerebbe duettare?«Con chiunque voglia dividere belle senzazioni, con chi ama la musica». Sanremo può essere un obiettivo?«Non credo quest’anno, ma se un domani arriverà sarà una bellissima esperienza, di certo emozionante. Chi non ha mai sognato di calcare quel palco»? Il concerto inizia alle 21, ingresso 20 euro (esclusa prevendita).

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo