img_big
Cronaca

Torino, rapina dieci supermercati con delle mutande in testa

E’ vero che per fare una rapina ci vuole un bel po’ di faccia… “tosta” ma mettersi delle mutande in testa forse è un po’ troppo. Eppure è proprio quel­lo che ha fatto Massimo Santoro, 46 anni, per cercare di camuffarsi agli occhi delle telecamere di sorveglianza dei dieci supermercati che ha colpito in meno di due mesi. L’uomo è una vecchia conoscenza del­le forze dell’ordine. In teoria avrebbe dovuto trovarsi in una comunità di recupero per tossicodipendenti ma in realtà era evaso già da parecchio tem­po. Però per un latitante trovare un lavoro onesto – se mai lo cercasse – è davvero impossibile e così a Santoro non è rimasto altro da fare che tornare a delinquere. A fine giugno ha così cominciato a portare a segno una rapi­na dietro l’altra nella zona ovest di Torino, a Collegno e a Rivoli.L’articolo di Claudio Neve su CronacaQui in edicola in Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta il 25 agosto 2010

 

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Gruppo Gheron
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo