img_big
News

I milanesi non si fidano più della Moratti

Sembrerebbe che la terra le stia franando da sotto i piedi. Si preannunciano tempi duri per il sindaco Letizia Moratti, pronta a ri-candidarsi anche alle prossime elezioni amministrative del 2011.Secondo un sondaggio realizzato per conto del quotidiano online Affaritaliani.it, la fiducia che i milanesi riponevano nel loro primo cittadino è miseramente crollata.Il sindaco di Milano sarebbe infatti ai minimi storici. Solo il 35% degli intervistati nutre molta (11%) o abbastanza (24%) fiducia in lei. Il 65% ha poca (32%) o nessuna (33%) fiducia nel primo cittadino. Anche il suo operato non convince i cittadini del capoluogo lombardo.Solo il 34% è molto (7%) abbastanza (27%) soddisfatto della sua azione politica. Mentre il 66% si dice poco (34%) o per nulla contento (32%). Un dato che trasferito nelle intenzioni di voto rende la partita delle Comunali quanto mai incerta.Alla domanda su chi si voterà alle prossime elezioni comunali, se più probabilmente un candidato di centro-destra o un candidato di centro-sinistra, il 38% ha risposto di essere orientato a votare un candidato di Centrodestra, mentre il 36% uno di Centrosinistra. Numerosi gli indecisi: il 19% che potrebbero risultare determinanti per la lotta allo scranno più alto di Palazzo Marino. Una battaglia che coinvolgerà quasi tutti i milanesi visto che solo il 7% dichiara che non andrà a votare.Eppure lei, in un’intervista che aveva suscitato stupore, aveva di recente dichiarato di lottare sempre in prima persona per il bene della città, non disdegnando di compiere imprese a dir poco pericolose, come «travestirsi di notte per vedere cosa succede nei quartieri a rischio e prendere provvedimenti» per il bene della sua amata città.«Basta con questa mia immagine di donna fredda e perfettina – diceva solo qualche settimana fa in un’intervista rilasciata al settimanale Oggi – Non corrisponde alla realtà. In privato sono allegra, espansiva, solare. E poi ho aspetti che uno non immagina. Sa quante volte mi sono travestita e con mio figlio Gabriele, travestito pure lui, siamo andati di notte in giro per le vie a rischio di Milano, dove c’è droga, prostituzione, delinquenza, per capire che cosa succede veramente e poi prendere provvedimenti?».a.g.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo