img_big
Cronaca

Afghanistan: «Mauro è morto da eroe salvando i suoi compagni»

Mauro Gigli si è sacrifi­cato per salvare la vita dei suoi commilitoni. Il mare­sciallo di Villar Perosa, ri­masto vittima mercoledì di un’esplosione a Herat, pro­babilmente è incappato in un vero e proprio agguato, costato la vita a lui e al caporal maggiore Pierdavi­de De Cillis. A spiegare la dinamica di quanto avvenuto in Afgha­nistan è stato il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, ieri nel corso de ll ‘ informativa del Go­verno: «In base alle prime informazioni raccolte – ha sottolineato La Russa ­sembra che il maresciallo Gigli, dopo aver disinne­scato un primo ordigno, abbia capito che ce n’era un secondo. Ha alzato le braccia, si è girato e con sprezzo della propria vita ha fatto allontanare gli al­tri, rimanendo sul posto per intervenire insieme al caporal maggiore De Cil­lis ». Dai primi accertamen­ti sembra dunque che «è stato proprio il marescial­lo, con il suo corpo, ad evitare conseguenze più gravi per il capitano Fede­rica Luciani, che è rimasta ferita».L’articolo di Claudio Neve e altri particolari su CronacaQui inedicola in Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta il 30 luglio 2010

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo