img_big
News

Bimba cerebrolesa in sala operatoria: processato Viale

Sofia nacque senza la speranza di poter vivere una vita normale, diventare una bimba come tutte le altre. Sofia fu travolta da un evento imprevedibile, la sua esistenza spiazzata e spezzata dalla rottura improvvisa dell’utero della madre. «Cerebropatia anossica», scrissero i medici nella cartella clinica della paziente appena nata. Un terribile incidente di percorso che costringe oggi Sofia, cerebrolesa, ad aver bisogno di una continua e costosa assistenza, e costringerà forse i medici che si occuparono della sua nascita ad affrontare un processo penale. Sul banco degli imputati sono finiti il ginecologo Silvio Viale e l’ostetrica Maria Idea Gristina, accusati en­trambi di lesioni colpose. La prima udienza del processo a carico dei due medici dell’ospedale Sant’Anna è stata però rinviata, dal momento che sono ancora in corso le trattative per un risarcimen­to dei danni a favore dei genitori della piccola. Se il risarcimento andrà a buon fine, i genitori di Sofia ritireranno la querela nei confronti dei medici e il processo verrà cancellato.L’articolo completo di Falconieri su CronacaQui in iedicola in Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta il 22 luglio 2010

 

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Gruppo Gheron
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo