img_big
News

Parla la mamma di Giorgino: “Pene esemplari per i killer di mio figlio”

«La condanna degli assassi­ni di mio figlio dev’essere severa, esemplare. Deve ser­vire per tutti, affinchè nes­suno muoia mai più per una sigaretta». Elena, la mamma di Giorgino Monteanu, il giovane romeno sgozzato lo scorso gennaio da due con­nazionali nei giardinetti di via Vibò, decide di rompere il silenzio in cui aveva pre­ferito chiudersi all’indoma­ni della tragedia. Lo fa a due giorni dall’udienza che ve­drà il più giovane dei due fratelli arrestati per l’omici­dio sedersi sul banco degli imputati. «Venerdì mattina – spiega la donna – quando si aprirà il processo al mino­renne, ci sarò anche io. So che sarà celebrato con rito abbreviato, e non so come andrà a finire. Quello che so è che chi ha fatto questo a Giorgio deve pagare. La con­danna dev’essere severa, al­meno 15 anni a testa. Deve essere una lezione».L’articolo completo di Stefano Tamagnone su CronacaQui in edicola in Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta il 21 luglio 2010

 

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Gruppo Gheron
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo