img_big
News
Pasquale Mazza: «Beffa per le famiglie». Il Comune: «Costretti dalla finanziaria»

Aumentano le tariffe della mensa scolastica. Cinquanta cent in più con effetto retroattivo

La polemica è servita in tavola a Castellamonte. Cambia l’appalto mensa alle scuole e aumenta il ticket di 0,50 euro a pasto. Si passa da 4 euro a 4.50, con effetto retroattivo da gennaio. A dar voce al malumore, che serpeggia tra i genitori dei bimbi, già impegnati a fare i conti con ristrettezze di ogni tipo dovute alla crisi e all’aumento della pressione fiscale, ci ha pensato il consigliere comunale di minoranza Pasquale Mazza: « Dopo le mancate manutenzioni dei plessi scolastici e la battaglia dei genitori per ottenere l’ascensore alle elementari, ecco che arriva un’altra trovata dell’assessore “occulto” al bilancio Giovanni Maddio, con l’ausilio dell’ufficio ragioneria. La giunta ha votato una delibera, legale ma fortemente immorale, che aumenta retroattivamente, a partire da gennaio scorso, il costo della mensa scolastica. Questa iniziativa ha il sapore dell’ennesima beffa per le famiglie. Chi non paga (al netto delle reali difficoltà economiche) è agevolato, mentre chi ha pagato è penalizzato e paga due volte. Con questa manovra mettono, per l’ennesima volta, le mani nelle tasche dei cittadini e per diverse migliaia di euro». Per evitareil mini-salasso nei bollettini in arrivo nelle case dei castellamontesi a palazzo Antonelli sarebbe servito trovare tra le pieghe del suo bilancio un tesoretto di 10-15 mila euro, che non c’è. Il vicesindaco, Giovanni Maddio, ha fatto sapere che la giunta è comunque al lavoro in cerca di una soluzione che non penalizzi troppo le famiglie dei piccoli studenti: «Non sono l’assessore occulto al bilancio. Stiamo valutando con l’ufficio ragioneria l’opportunità di revocare la delibera di giunta sulla mensa e ripresentarla a settembre, cercando così di evitare, se la normativa ce lo consentirà, l’effetto retroattivo dell’aumento, che ci è stato imposto dall’applicazione della legge finanziaria».

Edoardo Abrate

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo
banners