img_big
News
I carabinieri non escludono che possa trattarsi della stessa banda già entrata in azione a Collegno e Trofarello

NUOVO COLPO DELLA GANG DELL’ACETILENE Piossasco, fanno esplodere il postamat e scappano. A terra 45mila euro

Forse sono stati disturbati. Probabilmente hanno visto o temuto qualcosa. Resta il fatto che hanno lasciato a terra 45mila euro in contanti, per darsela a gambe. E’ accaduto la notte scorsa in via Pinerolo a Piossasco, nel Torinese dove i ladri hanno fatto saltare in aria uno sportello Postamat. I carabinieri che indagano sull’accaduto, non escludono che possa trattarsi della stessa banda che da alcuni giorni sta colpendo banche e uffici postali della provincia. Anche in questo caso, infatti, proprio come in occasione dei due bancomat fatti saltare in aria due notti fa a Collegno e a Trofarello, i balordi avrebbero usato bombole di acetilene, un gas particolarmente infiammabile, utilizzato per saturare i macchinari e poi farli esplodere. L’allarme a Piossasco è scattato alle 2 di notte. La deflagrazione, violentissima, ha danneggiato le vetrate e gli uffici delle Poste, ed è quasi sicuro che i ladri, a differenza di quanto accaduto a Terofarello e Collegno – dove i colpi erano andati in fumo perché le gabbie metalliche che custodivano i soldi avevano resistito all’onda d’urto – sarebbero riusciti ad arraffare tutto il bottino se qualcosa non li avesse distratti. Non è chiaro, infatti, se i 45mila euro trovati a terra dai carabinieri fossero solo una parte del “malloppo” oppure se i ladri siano scappati a mani vuote. Secondo alcune indiscrezioni, i malviventi si sarebbero allontanati a bordo di una macchina guidata da un complice. Forse, ma è solo un’ipotesi, a metterli in fuga è stato il pronto intervento dell’Arma

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo