img
News
Lettera dell’Amiat ai condomini: «A rischio la sicurezza degli operatori»

«I cortili sono pieni di buche. Stop alla raccolta dei rifiuti»

I cortili Atc di via Gottardo e via Cravero sono pieni di buche. Una trappola per gli operatori ecologici che ogni giorno, con il loro furgoncino, sono costretti a continui slalom per evitare di danneggiare le sospensioni dei veicoli. Ma a rischiare di farsi male sono i lavoratori stessi: basta un piede in una buca durante il trasporto dei contenitori e il danno è presto fatto. Così dopo alcuni richiami, e una situazione mai risolta, Amiat ha deciso di negare negli ultimi giorni il passaggio dei mezzi tra i cortili delle popolari. Inviando anche una lettera per tenere informati i residenti della novità. Notizia che non è certo andata giù alle famiglie del complesso popolare del Regio Parco, che già in passato avevano reclamato per l’eccessiva presenza dei rifiuti nei cortili. Tra materassi e mezzi abbandonati. «Ci mancava solo più questa – spiega un condomino -. Ora ci è stato chiesto di spostare i cassonetti ma la verità è che sono anni che le nostre strade interne sono ridotte ad un colabrodo ». Nemmeno l’ultimo sopralluogo di un tecnico dell’azienda che si occupa della rimozione dei rifiuti è servizio a cambiare lo stato delle cose. «I viali di via Gottardo si presentano in condizioni problematiche spiegano da Amiat -. Tali da compromettere la sicurezza dei nostri operatori nella fase di movimentazione dei contenitori. Motivo che ci ha indotto a cambiare strategia».

Il complesso di case popolari di via Gottardo risulta attualmente costituito da diciassette condomini autonomi di cui sei amministrati da Atc e undici amministrati da studi privati. «Nei prossimi mesi verrà convocata un’as semblea per nominare l’am ministratore unico del condominio generale – replicano da corso Dante -. Poiché la manutenzione delle strade interne e l’eliminazione delle buche devono essere deliberate dall’ass em bl ea generale, ciò sarà possibile solo dopo la nomina dell’amministratore».

 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo