img_big
News
I militari sono intervenuti e hanno sequestrato due animali ancora vivi

Due gatti torturati e seppelliti. Un operaio accusato dai vicini

Prima si sarebbe divertito a torturare con del filo spinato due gatti per poi ammazzarli e sotterrarli nel boschetto adiacente alla sua abitazione. Un operaio di 55 anni, E.E., rischia la denuncia da parte dei carabinieri di Chivasso per maltrattamento e uccisione di animali. Il luogo degli orrori è località Borghetto, in via Torre Alta.

È successo qualche notte fa. Ad allertare i carabinieri è stata una vicina di casa. Quella notte i militari dell’Arma sono arrivati nei pressi dell’abitazione e dopo un primo controllo hanno trovato due gattini appena sepolti sotto un leggero strato di terra.

Nel giardino della villetta c’erano, però, altri due gatti: prima che potessero fare la stessa fine i carabinieri li hanno recuperati e consegnati all’ente protezione animali, l’Enpa di Chivasso che ha sede nel canile municipale. Nel cortile è rimasto solo un gattino, probabilmente sfuggito alle violenze dell’uomo. Disteso al sole si lascia accarezzare. Non scappa. Non ha più paura. Ma qui nella frazione caratterizzata da lussuose villette e dove tutti si conoscono, si racconta che sarebbero tanti i gatti uccisi dall’operaio nel giro di un anno. I vicini avrebbero anche fornito raccapriccianti dettagli: prima li tiene in casa, li nutre, poi si diverte a torturarli. Infine li uccide facendoli soffrire. «Quell’uomo qui lo conosciamo tutti: purtroppo ha dei disturbi psicologici e andrebbe curato. Non riesco a capire perché si accanisca sui gatti. Se ad una persona non piace tenere un animale non vedo perchè debba torturarli e ucciderli » racconta un uomo.

Ma quello accaduto l’altra notte a Borghetto non sarebbe purtroppo un caso isolato. Nei mesi scorsi in altre frazione della città sarebbero accaduti episodi quantomeno inquietanti. Qualcuno racconta di cucciolate di cani e di felini sparite. Ma denunce in proposito non ne risultano. Anche in questi casi le indagini dei carabinieri sono in corso.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo