img_big
News
Ricettazione, operazione dei carabinieri: scoperto un capannone pieno di materiale trafugato

Leinì, la merce rubata finiva nei mercatini rionali. Arrestato meccanico FOTO E VIDEO

C’era di tutto nel magazzino-deposito scoperto dai carabinieri a Leinì, nel Torinese: due autocarri, oltre mille paia di scarpe da donna, 40 pneumatici, altoparlanti, stufe a pellet, una grossa pompa per l’acqua. E ancora: targhe per auto, matasse di fil di ferro, scatole di profumi e finanche un “elicottero” per pavimenti. Una lista lunghissima contenente merce del valore stimato in decine e decine di migliaia di euro. Materiale di prima qualità, in gran parte oggetto di furti ai danni di alcune ditte della zona e destinato, con ogni probabilità, ad essere “reimmesso” sul mercato. Il capannone al cui interno è stato rinvenuto  tutto quel materiale, secondo quanto accertato dagli investigatori, era gestito da Gheorghe R., romeno di 43 anni, di professione meccanico: l’uomo è stato arrestato e trasferito agli arresti ai domiciliari. Con lui, i militari dell’Arma hanno identificato e denunciato un altro cittadino romeno di 44 anni, ritenuto complice di Gheorghe. I due, secondo i militari, sono accusati, a vario titolo, di ricettazione. L’indagine è ancora in corso per capire quale fosse la destinazione finale della merce, anche se gli investigatori non escludono che buona parte di quel materiale finisse poi per essere rivenduto sulle bancarelle dei vari mercatini rionali della provincia piemontese.

 

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo