img_big
News
La proposta della minoranza piace anche al sindaco

Tornelli sull’autobus contro i rom. L’ultima idea in Comune per il 69

Non c’è pace per la linea 69 di Gtt. Prima la proposta dell’amministrazio ne comunale di creare due linee separate per separare i rom dagli altri utenti, ora la nuova idea dei consiglieri di opposizione del “gruppo Latella”: i tornelli per obbligare tutti a pagare il biglietto. Un modo per scoraggiare i nomadi dall’uso del mezzo pubblico che nel prossimo consiglio sarà presentato in una mozione, con la quale si chiederà al sindaco Claudio Gambino di impegnarsi in tal senso.

«Atti vandalici, scippi, furti, insulti. Ma anche sputi e calci verso gli utenti o i controllori sono davvero all’ordine del giorno su questa linea – spiegano i consiglieri Marco Latella, Cristiana Sciandra e Alessandro Ferricchio -. Ed è per questo motivo che vedremmo di buon occhio l’in stallazione dei tornelli. Almeno andremmo a creare un importante deterrente, visto che nella maggior parte dei casi, chi commette questi atti delinquenziali è sprovvisto di biglietto».

La proposta sarà quasi certamente discussa a giugno, dato che il prossimo consiglio comunale sarà interamente incentrato sul bilancio e non potranno essere discusse mozioni o interrogazioni.

Il Gtt, in passato, aveva anche preso in considerazione il progetto, salvo poi metterlo in soffitta, visto che la maggior parte dei mezzi ha tre porte che l’utenza utilizza per salire o scendere. Non è così in altre città dove i tornelli sono stati utilizzati: a Bologna, ad esempio, i mezzi hanno solo due accessi.

Per il sindaco Claudio Gambino «l’idea è apprezzabile e sarà vagliata con attenzione. Gtt all’epoca aveva storto il naso perché sarebbe stata un’operazione molto onerosa. Magari con la nuova giunta di Torino, e con un nuovo assessore ai Trasporti, questa idea potrebbe tornare d’attua- lità».

 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo