img_big
News
Serrande tagliate e porte forzate. Dopo Valperga e Sangiusto, colpo a Ciconio

Tre locali saccheggiati in una settimana. Caccia aperta alla banda dei videopoker

Ciconio Ladri di videopoker scatenati in Canavese, con tre colpi messi a segno in pochi giorni. Vittima, questa volta, un bar di Ciconio, paesino di trecento anime vicino a Rivarolo. Approfittando del buio, i ladri hanno forzato la porta di ingresso del locale e una volta entrati nell’eser cizio commerciale hanno preso due slot machine e il registratore di cassa. Dopo aver caricato la pesante refurtiva su un furgoncino, si sono rapidamente dileguati. Il raid ha fruttato ai malviventi un bottino di qualche migliaio di euro. Del blitz se ne stanno occupando i carabinieri di Agliè.

Non si può escludere, che si tratti della stessa banda entrata in azione domenica 1 maggio all’enoteca “Divi nity” di Valperga e lunedì a San Giusto al bar “Torre”, situato nella centralissima via XXV luglio. Anche in questi ultimi due casi, era stata tagliata la serranda e scassinata l’entrata per poi fare razzia di macchinette e cambiamonete.

La recente ondata di furti non ha risparmiato nemmeno le tabaccherie di via San Rocco a Cuorgnè e di via Adolfo Ghella a Colleretto Castelnuovo. Per contrastare la recrudescenza di questi spiacevoli episodi e garantire la sicurezza dei propri cittadini e commercianti, il sindaco di Ciconio, Fabrizio Ferrarese, ha deciso di correre ai ripari, installando a breve in paese un nuovo servizio di videosorveglianza, come deterrente contro furti, rapine e atti vandalici.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo