img_big
News
La rabbia del quartiere per l’investimento di una donna sul nuovo Passante

Esposto per le strisce pedonali. «Altrimenti ci scappa il morto»

Il muro che divideva Barriera di Milano e Borgo Vittoria è stato abbattuto dopo vent’anni, merito dell’apertura di un paio di passaggi pedonali lungo l’area del passante ferroviario, quella per intenderci che collega piazza Baldissera con corso Grosseto. Eppure i due nuovi accessi hanno portato anche qualche piccolo problema di viabilità. Non tanto lungo via Cervino quando lungo l’asse via Valpratovia Vibò, dove lunedì mattina una donna è stata investita proprio mentre era in procinto di attraversare la strada. Un mezzo dell’Anas l’ha travolta all’altezza del passante, in un punto non protetto dalle strisce. E le polemiche si sono abbattute su corso Venezia: sulle alte velocità e sulla mancanza di sicurezza per i pedoni.

I residenti del quartiere si dichiarano pronti a presentare un esposto. «C’è un attraversamento all’altezza dell’istituto tecnico Peano racconta Mario, tra i più arrabbiati -. Poi più niente per due isolati, chi vuole usufruire del Passante, invece, avrebbe bisogno di altre strisce». Interventi che prima o poi saranno realizzati, secondo il coordinatore all’Urbanistica della circoscrizione Cinque Domenico Carbotta. «I lavori non sono ancora terminati ma il viale verrà messo in sicurezza ». Tuttavia, pur senza esserci stata alcuna inaugurazione, il passante è stato aperto ai pedoni. Fattore che ha portato i più ad utilizzare gli accessi. Per un disabile, però, passare da Barriera a Borgo Vittoria rappresenta una lotta contro le barriere architettoniche. Una volta arrivati in corso Venezia la carrozzina è costretta a svoltare verso destra, fino al primo attraversamento pedonale dove lo sfortunato di turno si troverà davanti un gradino. «È chiaro che in quel punto la sicurezza è un optional – accusa il capogruppo di Fdi della Cinque, Fabrizio Leotta -. Lotteremo per un intervento di riqualificazione, affinché anche le barriere esistenti vengano abbattute».

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo
banners