img_big
Cronaca

Prandelli punta sulla qualità e apre la porta agli oriundi: “Giocherà chi se lo merita”

La figuraccia in Sudafrica è stata solo una “parentesi”. Ne è sicuro Cesare Prandelli, che oggi pomeriggio si è presentato ufficialmente alla stampa come nuovo ct degli Azzurri. Un ct che dice di “non voler pensare alle difficoltà”, ma di voler “ripartire dall’ottimismo”. E dalla qualità. Perchè in Italia, è convinto, “i giocatori di qualità ci sono”.Anche gli oriundi? “Se sono bravi e hanno il passaporto italiano perchè no, si possono convocare”.Giocherà chi se lo merita, quindi. E “le convocazioni saranno fatte su basi meritocratiche”, tenendo conto che per Prandelli sono molto importanti “la dignità e il rispetto dei ruoli”.Se Cassano e Balotelli possiedano queste caratteristiche, il tecnico non lo dice. “Cassano l’ho visto molto sereno – spiega il ct – tranquillo e maturo, probabilmente anche grazie all’incontro con Carolina, sua moglie. Nella vita alcune persone, spesso le donne ti possono dare il giusto senso della vita. Balotelli? Non lo conosco e non posso dare giudizi. Posso solo dire che i ragazzi giovani hanno sempre paura di crescere e il consiglio che gli posso dare è di vivere in modo sereno questa professione privilegiata”.Il primo appuntamento sarà un’amichevole prevista per il 10 agosto a Londra contro la Costa D’Avorio. Ma Prandelli spiega: “Non intendo fare i nomi dei convocati. Le convocazioni saranno fatte su basi meritocratiche”.Un nome, però, Prandelli alla fine lo fa. Gigi Buffon, il portierone cui vorrebbe dare la fascia da capitano. “Mi auguro che Buffon possa essere un esempio e mi auguro di potergli dare la fascia di capitano ai prossimi europei”Prandelli parla anche del suo predecessore “Marcello Lippi è il ct campione del mondo e da lì dobbiamo ripartire. L’ho sentito prima del Mondiale – ha aggiunto Prandelli – e gli ho fatto anche una battuta: “se ci ripensi faccio sempre in tempo a trovare un’altra panchina”. Poi l’ho risentito dopo il mondiale e penso ci vedremo la prossima settimana”.Capitolo oriundi. “Gli extracomunitari in nazionale? Vale la meritocrazia: se sono bravi e hanno il passaporto italiano perchè no, si possono convocare”

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo