img_big
News
Trasloco spostato al 15 maggio nonostante un altro accoltellamento

Paura tra gli studenti del Moi. Ma il trasferimento è rinviato

Da una parte, l’ennesima notizia di un accoltellamento tra gli occupanti dei quattro palazzi di ” Casa Africa”. Dall’altra, un nuovo rinvio del trasloco nella residenza Edisu di via Verdi. Tra questi due fuochi, le ultime settimane di permanenza degli universitari che vivono negli appartamenti gestiti dalla Fondazione Falciola al Villaggio Olimpico e che hanno scoperto solo ieri di dover attendere fino al 15 maggio perché si aprano le porte dello studentato appena risistemato, benché proprio la recente cronaca nera avesse fatto chiedere a più d’uno di anticipare il trasferimento. Succedeva non più tardi del 25 aprile sulla pagina Facebook dei “fuori sede” al Moi, la stessa che ha pubblicato la nuova comunicazione sulle decisioni prese dall’Edisu. Il retroscena del braccio di ferro con Prefettura e Comune era stato raccontato da CronacaQui nelle scorse settimane e non si è arrestato nemmeno con l’ultima seduta del consiglio di amministrazione dell’Ente per il diritto allo studio. La richiesta di anticipare il trasferimento arrivata dagli studenti sarebbe stata «rigettata» e la scelta del 15 maggio «non dipende tanto dai tempi previsti per le pulizie quanto dalle pressioni politiche esercitate su Edisu», come si legge nel breve resoconto della seduta a disposizione degli studenti. «Fondamentalmente il sindaco ha chiesto alla presidente di Edisu fino a quando potessero rinviare ed alla fine della discussione si è scelta la data del 15 maggio». Poco più di una decina di giorni fa, infatti, proprio il sindaco Fassino aveva chiesto a Edisu se ci fossero possibilità per mantenere, almeno per l’estate, la residenza universitaria aperta al Villaggio Olimpico, non tacendo la preoccupazione delle istituzioni, prima fra tutte la Prefettura, per un allargamento dell’occupazione da parte di profughi, rifugiati e richiedenti asilo che hanno già cominciato a prenderne possesso a partire dai sotterranei.

 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo