img_big
News
Lo spacciatore è stato operato e ricoverato in rianimazione in prognosi riservata

Torino, tossicodipendente moroso accoltella il suo pusher: non voleva consegnargli altra droga

È stato identificato l’uomo che la scorsa notte ha accoltellato in casa alla periferia nord di Torino, un pusher senegalese di 29 anni, domiciliato nel capoluogo piemontese. I carabinieri della compagnia Oltre Dora hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto Luca L., 33 anni, tossicodipendente, domiciliato a Torino, in via Viriglio, ritenuto responsabile di tentato omicidio. Secondo quanto appurato dai militari, l’uomo, al culmine di una lite scaturita per un debito contratto per l’acquisto di cocainaha colpito il suo spacciatore personale con una coltellata al collo perché non voleva consegnargli altra droga. La vittima ha avuto la forza di scendere in strada e poi di salire a bordo di un taxi abusivo alla cui guida c’era un connazionale, che lo attendeva in strada e che lo ha accompagnato al pronto soccorso del San Giovanni Bosco. Qui il pusher è stato operato e ricoverato in rianimazione, in prognosi riservata. I fendenti al collo gli hanno, infatti, provocato un’emorragia da vaso carotideo con compressione tracheale. Il 33enne è stato fermato e ha confessato. L’arma del delitto è stata recuperata a poca distanza dall’ospedale.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo