img_big
News
Domani alle 11 i funerali della studentessa uccisa in Svizzera. E’ ancora caccia all’assassino

MASSACRATA A SPRANGATE Valentina è tornata a casa. Lacrime a La Loggia per il rientro della salma

La salma di Valentina Tarallo, la giovane ricercatrice uccisa a Ginevra da un uomo tuttora ricercato (si tratta del 36enne Ba Djby, di origini senegalesi) è arrivata alle 19.30 a La Loggia, il Comune alle porte di Torino dove la 29enne viveva con i genitori prima di trasferirsi in Svizzera. Ad accoglierla, in lacrime, il padre Generoso Tarallo e la madre Mattea Di Carlo, la sorella Silvia ed un un gruppo di amici e parenti. La camera ardente è stata allestita in una sala per le riunioni accanto alla chiesa parrocchiale di San Giacomo, dove questa sera si terrà una veglia di preghiera e dove domani mattina, alle 11, saranno celebrati i funerali. Il sindaco Sergio Ingaramo, ha disposto il lutto cittadino.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo