img_big
Cronaca

Vampiri e licantropi di Twilight pronti a invadere le sale torinesi

Parafrasando lo slogan utilizzato per il lancio di “Eclipse”, nuo­vo capitolo della saga cinema­tografica ispirata ai libri di Stephenie Meyer, si potrebbe dire che “tutto inizia con una scelta”. Eh già, perché per gli appassionati della serie Twili­ght – che da mesi hanno evidenziato su calendari, agende e diari il 30/6/2010 con l’imperativo di andare al cinema – l’imbarazzo sta solo nello scegliere dove recarsi. Dal canto loro, le sale torinesi si sono organizzate per tempo, felici di poter contare su un’invasione pacifica e remunerativa. Qualche esempio? A giocare d’anticipo è stata la UGC Ciné Cité di Moncalieri. Da una decina di giorni ha iniziato la prevendita dei biglietti per le proiezioni normali (14 quotidiane) e ha predisposto per la giornata odierna una speciale “Mara ­tona Twilight”: a partire dalle 15.30, una sala sarà riservata ai fan più sfe­gatati i quali potranno godersi tutta la trilogia realizzata sinora, da Twilight a Eclipse passando per New Moon. Entro i confini cittadini, il Cineplex Massaua proietterà le vicende della giovane Bella, divisa tra l’amore per il diafano ed emaciato Edward e l’af ­fettuosa amicizia per il palestrato e ambrato Jacob. In questo caso, però, di “speciale” ci sarà solo il prezzo: sul sito Internet, il multisala «informa il gentile pubblico che, nella giornata di mercoledì 30 giugno, la tariffa ap­plicata per la visione del film Eclipse non sarà il ridotto del mercoledì, ben­sì l’intero feriale». Stessa politica sarà adottata dall’Ideal Cityplex che offrirà tutti i giorni – a partire dalle 15 e sino alle 22.30 – ben 10 proiezioni. Il circuito The Space Cinema scenderà in cam­po con notevole dispiegamento di forze: presso l’ex Medusa di Parco Dora saranno schierate quattro sale per un totale di dieci spettacoli, pres­so “Le Fornaci” di Beinasco altrettan­te sale per dodici proiezioni. L’effetto Eclisse “oscurerà” pure gli schermi di Arlecchino, Greenwich, Lux. In­somma, per i “twilightiani” torinesi c’è davvero solo l’imbarazzo della scelta.

 

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo