img_big
News
Partirà da Ingria il viaggio in motorino di Andrea Brusasca e Giorgio Gagliardi

LA STORIA. Dal Canavese a Londra in sella al “Ciao”. Avventura per curare il giovane Sammy

 Ingria Canavese, Torino, Parigi, Londra. Non è una nuova linea del TGV, ma il percorso a bassa velocità e ad alta solidarietà lungo il quale, a partire dal prossimo 16 luglio, si svolgerà l’Epic travel Ciao edition. Si tratta di un viaggio di circa 1350 chilometri, che porterà a spasso per l’Europa due mitici Piaggio Ciao degli anni 70. A tentare la favolosa e stravagante impresa in sella alle mitiche “due ruote” made in Italy saranno il 26enne canavesano Andrea Brusasca e il 32enne ligure Giorgio Gagliardi.

L’epica avventura prenderà il via da Ingria, piccolo comune di 49 abitanti situato nel cuore della Val Soana, che ha adottato la “pazzesca” inizia tiva, grazie anche alla Pro loco del paese pronta a coprire i costi della miscela per raggiungere in motorino la capitale inglese. « L’obiettivo è quello di riuscire a percorrere una lunga distanza con dei mezzi concepiti per andare a prendere il pane – spiegano i due protagonisti sul sito Internet ufficiale www. ilbrusa. it/epictravelciaoedition -. Creeremo un video reportage interessante e divertente che riesca a coinvolgere curiosi e appassionati in tutte le fasi della nostra impresa». Per coprire le spese necessarie ad allestire i mezzi e completare il tour, i due giovani “biker” hanno aperto una campagna di raccolta fondi “eppela” do ve si può fare una donazione, ricevendo in cambio qualche piccolo gadget. Epic travel Ciao edition fa anche e soprattutto rima con solidarietà. «Tutto il denaro extra, che eventualmente riusciremo a raccogliere con questa campagna o quello che risparmieremo e racimoleremo durante il viaggio, verrà devoluto alla onlus ” A. I. Pro Sa. B.” di Sammy Basso, un ragazzo fantastico, affetto da una rarissima malattia: la progeria chiosano Brusasca e Gagliardi -. Ci piacerebbe aiutarlo nei suoi progetti e soprattutto contribuire alla ricerca su questa malattia genetica».

 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo