img_big
News
Lo spacciatore è stato intercettato in via Stradella da una pattuglia della Volante

Torino, pusher in manette. Scroccava passaggi per rifornirsi della droga

Aveva ideato uno stratagemma per aggirare i controlli delle forze dell’ordine: fissava un appuntamento con i clienti. Poi, dopo averli incontrati, scroccava loro un passaggio per andare a rifornirsi della droga necessaria per lo spaccio. Il pusher furbo non ha avuto troppa fortuna. Gli agenti del Commissariato “Madonna di Campagna“, infatti, lo hanno beccato con le mani nel sacco e ammanettato. L’uomo, un 35enne di nazionalità marocchina, è stato notato in via Stradella, nel quartiere Borgata Vittoria, dove è arrivato a bordo di una Fiat Punto insieme con altre due persone. Sceso dall’auto, alla vista delle “divise”, il marocchino si è allontanato in direzione opposta alla Volante, tradendo così un atteggiamento sospetto. A quel punto i poliziotti hanno deciso di intervenire e lo hanno fermato, ma il marocchino, con gesto fulmineo, ha reagito sferrando una violenta manata contro il petto di uno dei poliziotti, per poi darsi alla fuga in via Chiesa della Salute. Gli agenti, supportati anche dal personale dell’Ufficio Prevenzione Generale, si sono lanciati all’inseguimento e hanno bloccato il fuggitivo dopo pochi metri. Dopo aver immobilizzato l’uomo, i poliziotti hanno scoperto, in un’aiola vicina, un paio di chiavi di un appartamento e oltre 1.100 euro custoditi all’interno di un portafogli, di cui il pusher si era evidentemente disfatto durante la fuga. Si trattava, con ogni probabilità, del provento dell’illecita attività di spaccio. Dai successivi controlli effettuati all’interno dell’abitazione dell’uomo, risultato irregolare sul territorio nazionale (e con numerosi precedenti alle spalle), sono state rinvenute molteplici quantità di eroina nascoste sia all’interno del locale bagno, sia nel locale cantina, oltre a diverso materiale per il confezionamento della droga, bilancini di precisione, coltelli e un nuovo i-phone 6. Il 35enne extracomunitario, raggiunto anche da un provvedimento di espulsione, è stato arrestato per il reato di detenzione di sostanza stupefacente, oltre ad essere denunciato per resistenza a Pubblico Ufficiale e ricettazione.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo