img_big
News

Fra tre anni un esame del sangue sostituirà l’amniocentesi

Affinchè il nuovo metodo arrivi nelle cliniche occorreranno almeno tre anni, ma stando a quanto emerso da una ricerca presentata alla ventiseiesima assemblea annuale della Società europea di riproduzione umana ed embriologia (Eshre), l’amniocentesi non sarà più necessaria. Un’equipe di ricercatori olandesi sostiene infatti che, per sapere se il figlio che si porta in grembo è affetto da malattie cromosomiche, sarà sufficiente un esame del sangue. Un’analisi sicuramente meno invasiva, effettuata attraverso una tecnica denominata mlpa (amplificazione legatura-dipendente multipla della sonda) che consente di rilevare il dna fetale presente nel sangue delle donne incinte da almeno 6-8 settimane. Lo studio è iniziato nel 2009 e dovrebbe continuare almeno fino al 2012.

 

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo