img_big
News
L’ex sindaco a processo per non aver segnalato il cedimento del controsoffitto. La difesa non ci sta: “Accusa ingiusta”

Grugliasco, crollo nell’edificio La Nave: presidente Atc imputato per omessa denuncia

Il presidente dell’Atc, Marcello Mazzù, è imputato in tribunale a Torino di omessa denuncia di reato. L’episodio risale al 2011, quando Mazzù era sindaco di Grugliasco. La procura gli rimprovera di non avere segnalato tempestivamente alle forze dell’ordine o all’autorità giudiziaria il crollo di un controsoffitto in un edificio chiamato “La Nave” all’interno del centro culturale Le Serre. Mazzù divide l’accusa con una dirigente comunale mentre per l’incidente dieci persone tra funzionari e tecnici del municipio e responsabili delle ditte che si erano occupati della ristrutturazione di “La Nave” rispondono di crollo colposo. Il processo ha preso il via oggi, ma è stato rinviato dopo poche battute.

LA DIFESA: “ACCUSA OMESSA DENUNCIA E’ INGIUSTA”

L’accusa di omessa denuncia e’ ingiusta”. Così l’avvocato Paolo Davico Bonino, difensore di Marcello Mazzù al processo – cominciato oggi a Torino – per il crollo avvenuto in un edificio a Grugliasco. “Il sindaco – dice il penalista – agì nella massima trasparenza e con la massima correttezza, organizzando le misure necessarie per mettere la zona in sicurezza e affidando a un ingegnere una serie di accertamenti. Non ci fu dolo nella sua condotta”. L’incidente si verificò nella notte del 6 settembre. Un periodico locale pubblicò la notizia alcuni giorni dopo e il 15 settembre un funzionario della polizia municipale presentò una denuncia. “Non e’ possibile – osserva Davico Bonino – sostenere che in tutto quel lasso di tempo nessuno fosse a conoscenza del fatto”.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo